Bitcoin: valuta legale in Brasile? Prezzi in rialzo sopra 50.000 dollari

6 Ottobre 2021, di Mariangela Tessa

Dopo El Salvador, anche il Brasile potrebbe presto utilizzare Bitcoin come valuta avente corso legale. Lo ha anticipato il deputato brasiliano Aureo Ribeiro, spiegando che il governo carioca si prepara a votare un disegno di legge sulla regolamentazione delle criptovalute.

“Vogliamo creare regolamenti in modo che con questo asset si possa comprare una casa, un’auto, andare da McDonald’s a comprare un hamburger: sarà una valuta a tutti gli effetti come è successo in altri Paesi”.

Comunque andrà la votazione, una cosa è certa: la notizia ha dato una spinta in avanti al Bitcoin, che è tornato sopra la soglia di $ 50.000, dopo una fase ribassista, alimentata dai timori sulla regolamentazione negli Stati Uniti e in Cina.

Le quotazioni sono dunque salite fino a 51.276,47, secondo Coin Metrics, segnando + 17% da inizi ottobre e +76,5% da inizio anno. Il rally è stato favorito anche dai commenti della scorsa settimana dal presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, che ha affermato in un’audizione della Commissione dei servizi finanziari della Camera di “non avere intenzione di vietare” le criptovalute negli Stati Uniti come è successo in Cina.

Bitcoin: dove andranno le quotazioni

L’ultima volta che bitcoin ha rotto $ 50.000 è stato all’inizio di settembre, quando El Salvador ha adottato la criptovaluta come valuta legale.

Il bitcoin ha trascorso gran parte del terzo trimestre in bilico nella fascia bassa di $ 30.000 poiché gli investitori erano preoccupati per le politiche normative in Cina e negli Stati Uniti, anche se ha avuto un buon finale.

Una nota di JPMorgan inviata ai clienti lo scorso fine settimana ha messo in guardia il mondo delle criptovalute sulla perdita di attrattiva del Bitcoin:

“C’è una forte divergenza nella domanda” fra i future sul Bitcoin e quelli su Ethereum, ha messo in luce la banca d’affari americana. Questo testimonierebbe come gli investitori istituzionali si stiano sempre più orientando verso la principale moneta concorrente di Bitcoin.

“Questa è una battuta d’arresto per Bitcoin che deriva da una domanda debole da parte degli investitori istituzionali, i quali tendono ad usare il mercato regolamentato dei futures (CME) per esporsi alla regina delle cripto”, ha scritto JPMorgan. “Ciò indica una domanda molto più sana per Ethereum rispetto al Bitcoin da parte degli investitori istituzionali”, hanno concluso gli analisti.

Guardando ai prossimi mesi, Teddy Vallee, chief investment officer di Pervalle Global Capital, ha affermato di aspettarsi che lo slancio continui per tutto il trimestre.

“I detentori a lungo termine ora rappresentano oltre l’80,5% dell’offerta totale, il che storicamente ha portato a grandi rialzi nei successivi sei mesi”, ha affermato. “In assenza di una grande correzione azionaria, vediamo i prezzi più alti da qui entro la fine dell’anno. La domanda incrementale dovrebbe rimanere forte, poiché gli investimenti istituzionali continuano ad accelerare, il che crea una dinamica domanda/offerta favorevole”.