Bitcoin potrebbe crollare fino a $14.000 entro quest’anno, i motivi

1 Giugno 2022, di Gianmarco Carriol

Il Bitcoin (BTC) sta affrontando un “ciclo ribassista” quest’anno in cui potrebbe scendere di oltre il 50% dai livelli attuali, affermano alcuni analisti.

In un thread su Twitter del 1 giugno, Venturefounder, un collaboratore della piattaforma di analisi on-chain CryptoQuant, ha previsto che il 2022 sarà l’anno della “capitolazione” del Bitcoin.

Acquistare Bitcoin o stare alla larga?

Sulla base dei modelli storici che coinvolgono i cicli di halving di Bitcoin, quest’anno dovrebbe essere la pecora nera ribassista dell’attuale ciclo di quattro anni, ha scritto Venturefounder.

Proprio come nel 2018 il BTC/USD dovrebbe trovare un livello limite ad un certo punto e, calcolando i precedenti cali dai massimi storici, questo potrebbe essere compreso tra $14.000 e $21.000.

“670 giorni prima del prossimo dimezzamento di Bitcoin, siamo in tempo per le prestazioni di BTC rispetto ai cicli passati”, ha spiegatoin  un tweet.

“Nei prossimi 670 giorni, BTC capitolerà nei prossimi 6 mesi e raggiungerà il minimo del ciclo ($14.000 – $21.000), per poi tagliare tra 28.000$ e 40.000$ nella maggior parte del 2023 e raggiungere di nuovo circa $40.000 entro il prossimo halving”.

Una tale previsione, sebbene non sia musica per le orecchie dei tori, non sarebbe senza precedenti. Dopo aver toccato $3.100 a dicembre 2018, Bitcoin è riuscito a recuperare fino a $13.800 sette mesi dopo prima di invertire nuovamente la discesa fino al minimo di marzo 2020 di $3.600.

Anche il massimo locale del 2019 non è stato sufficiente per battere il record del tempo stabilito a dicembre 2017: $20.000.

Questo livello potrebbe diventare ancora un livello chiave, ritiene Venturefounder. Coloro che sono disposti a cavalcare l’onda e investire, anche adesso, saranno comunque dalla parte giusta della storia.

“In altre parole, acquistare Bitcoin da questo punto ai prossimi 6-12 mesi è il massimo che si può ottenere. Probabilmente il miglior ROI % su 3 anni di sempre”, ha aggiunto.

“Potremmo non essere al minimo del ciclo, ma siamo all’interno dell’intervallo dei minimi del ciclo BTC. Questo è il meglio che puoi fare quando cronometri i cicli di mercato”.

Continuano ad arrivare previsioni più basse

Altri analisti nel frattempo hanno già stimato un possibile range di prezzo inferiore a $16.000 – $14.000 o vicino quei livelli.

Quel prezzo rappresenterebbe un calo di circa l’80% dal massimo storico di $69.000, corrispondente al minimo del ciclo precedente in termini percentuali.

Gli attuali livelli di circa $31.000 sono relativamente modesti come calo, come mostrano i dati della società di analisi on-chain Glassnode.

Gianmarco Carriol | Wall Street Italia

Il mese scorso, l’analista Rekt Capital ha calcolato un potenziale obiettivo di $15.500 una volta che BTC/USD scenderà al di sotto della sua media mobile a 200 giorni.

I venditori potrebbero incontrare difficoltà nel guidare il mercato così in basso. MicroStrategy, che possiede la più grande tesoreria aziendale BTC, si è impegnata ad acquistare in caso di flessione verso i $20.000.

Arthur Hayes, ex CEO del gigante del trading BitMEX, ha anche confermato che sarebbe interessato a vedere il BTC a $20.000.