Bitcoin, Ether e Dogecoin: quanto avresti guadagnato investendo 1000 dollari un anno fa

29 Dicembre 2021, di Alessandra Caparello

Il 2021 che sta per concludersi è stato un anno eccezionale per le criptovalute, con i token digitali, come bitcoin e dogecoin, che hanno raggiunto i massimi storici e reso milionari gli investitori.
Il mercato complessivo delle criptovalute ha superato brevemente i 3 trilioni di dollari di valore e la crescente popolarità di beni digitali come i token non fungibili, o NFT, ha contribuito a portare la tecnologia, una volta di nicchia, al mainstream.

Token come bitcoin e dogecoin hanno diversi livelli di sviluppo tecnologico ed entrambi hanno visto una forte crescita nel 2021, insieme ad altre monete digitali.

Ma tutto va preso con le pinze quando si tratta di criptovalute, perché sottolinea un post della Cnbc a firma di Nicolas Vega, le prestazioni passate non sono garanzia di rendimenti futuri, e gli esperti avvertono gli investitori di non mettere più soldi nelle criptovalute di quanti ne possano perdere.

Per chi decide oggi di addentrarsi nell’universo cripto, è meglio  non fare un grande acquisto tutto in una volta, ma piuttosto distribuendolo in piccoli acquisti nel tempo.

Bitcoin

Così un investimento di 1.000 dollari in bitcoin all’inizio dell’anno ad un prezzo di 29.290 dollari avrebbe significato comprare 0,034 gettoni digitali, che varrebbero circa 1.632 dollari al prezzo di martedì pomeriggio di 49.150 dollari per moneta.

La più grande criptovaluta del mondo per capacità di mercato ha avuto un forte 2021, con il suo valore che è aumentato di circa il 65% tra il 1° gennaio e la fine di dicembre. A febbraio, ha raggiunto per la prima volta un market cap di 1 trilione di dollari, ma da allora si è voltato indietro fino a quasi 900 miliardi di dollari.

Ether

Il valore di un singolo ether, il token della blockchain Ethereum, è aumentato di oltre il 400% negli ultimi 12 mesi. Un acquisto di 1.000 dollari di ether il 1 gennaio ad un prezzo di 730,30 dollari varrebbe ora circa 5.226,16 dollari al prezzo di martedì pomeriggio di 3.816,67 dollari.

I sostenitori di Ethereum dicono che la blockchain diventerà più scalabile, sicura e sostenibile dopo il suo aggiornamento Eth2, previsto per il 2022, durante il quale la rete passerà ad un nuovo modello proof of stake. Attualmente, Ethereum opera su un modello proof of work in cui i minatori devono competere per risolvere puzzle complessi al fine di convalidare le transazioni. Questo modello è spesso criticato per il suo impatto ambientale in quanto richiede una quantità estrema di potenza del computer.

Il passaggio al Proof of Stake permetterà agli utenti di convalidare le transazioni in base al numero di monete che possiedono.

Solana

Se aveste investito 1.000 dollari nella criptovaluta Solana ad inizio del 2021, quando una moneta costava 1,53 dollari, il vostro investimento sarebbe cresciuto a circa 118.418 dollari al prezzo di martedì di 181,18 dollari.

Nonostante sia stato lanciato solo nel 2020, Solana è cresciuto di oltre il 13.800% nell’ultimo anno ed è attualmente la quinta criptovaluta più grande con un market cap di oltre 57 miliardi di dollari. Solana è vista come un concorrente della blockchain Ethereum. Il suo fondatore, Anatoly Yakovenko, ha progettato Solana per supportare i contratti intelligenti.

Dogecoin

Se hai messo 1.000 dollari in dogecoin all’inizio dell’anno ad un prezzo di 0,0056 dollari per moneta, ora varrebbe 32.142 dollari al prezzo di martedì di 18 centesimi. Non male per un token digitale che è stato lanciato inizialmente come uno scherzo ispirato da un meme.

La criptovaluta, la cui popolarità è stata alimentata in parte da Elon Musk, è cresciuta fino al 12.000% nella prima metà del 2021. Tuttavia, il valore di dogecoin è sceso nella seconda metà dell’anno.

Investire in bitcoin: i consigli degli esperti

Quanto investire in bitcoin e criptovalute è una delle domande che i clienti rivolgono ai loro consulenti finanziari. Ma quando si tratta di investire nella nuova e altamente volatile asset class delle valute digitali, la maggior parte dei consulenti finanziari dimostra una certa saggezza.

Anjali Jariwala, pianificatore finanziario e fondatore di FIT Advisors a Torrance, California, raccomanda ai clienti di investire in criptovalute finché “non hanno la loro casa in ordine”. Cosa significa?
In altre parole, avere un solido conto di risparmio d’emergenza a cui rivolgersi, saver messo da parte un importo preciso per la pensione ed essere in generale sulla buona strada per qualsiasi altro obiettivo, come mandare un figlio all’università o comprare una casa.

Se un cliente ha controllato tutte queste caselle, ha detto Jariwala, investire in criptovalute può essere un’opzione. Ma quanto denaro investire?

Per trovare una cifra esatta, Jariwala prende in prestito la regola standard di quanto denaro si dovrebbe mettere in un particolare titolo: non più del 3% del loro portafoglio. Altri consulenti impostano la loro percentuale al 2%, e “il 5% è il più alto che ho sentito dal punto di vista di un consulente”.