Bitcoin: con un Pac da 100 euro al mese dal 2019 oggi oltre 15.000 euro

28 Ottobre 2021, di Alessandra Caparello

Per investire con successo in Bitcoin una delle strategie da utilizzare è quella del Pac, i piani di accumulo.  Dopo un’estate tiepida la regina delle criptovalute ha ripreso a inizio mese la sua corsa arrivando negli ultimi giorni a toccare il massimo storico di 57mila euro, oltre la metà del valore di 100mila euro che molti osservatori ritengono sarà il valore del Bitcoin sul medio periodo.

Proprio la volatilità che caratterizza il Bitcoin è la principale ragione che spinge in molti a non investire in questo asset percentuali oltre il 2-5% del proprio portafoglio. La fintech Conio che ha creato il primo portafoglio bitcoin italiano, ha fatto un esercizio semplice, calcolando il rendimento di un investimento rispettivamente di 2.000 e 3.000 euro suddivisi in versamenti da 100 euro al mese per 20 mesi, nel primo caso, e 30 negli ultimi due casi. In sostanza, dicono da Conio, è stato utilizzato lo schema del PAC, lo strumento usato dai gestori, insieme a un orizzonte di lungo periodo, per sterilizzare l’investimento rispetto alla volatilità.

Per arginare il panic selling che molte crisi finanziarie del passato hanno generato, e per ridurre in maniera significativa la rilevanza della tempistica (“market timing”) con cui si effettua un investimento o un disinvestimento, una valida alternativa che ci viene in soccorso è quella rappresentata dai Piani di Accumulo(PAC). Il PAC è una tipologia di allocazione del denaro che prevede una serie di investimenti periodici atti a costruire capitale nel tempo e che si differenzia dal tradizionale investimento in un’unica soluzione (PIC, Piano di Investimento di Capitale). I benefici dei Piani di Accumulo sono in sintesi:

  • Gestire l’emotività – la contingenza di un momento specifico non viene considerata ai fini della scelta di investire o disinvestire;
  • Abituarsi al risparmio come “forma mentis” – accantonare periodicamente una quota del proprio patrimonio destinandolo agli investimenti in maniera automatica;
  • Ridurre la volatilità – con un piano di accumulo è possibile mediare nel tempo i prezzi di carico delle posizioni;
  • Flessibilità e personalizzazione – durata, frequenza e importo dei versamenti adattabili alle esigenze di ogni investitore.

Investire in Bitcoin: la simulazione in pac di Conio

La simulazione di Conio parte immaginando tre profili di investitori, ognuno dei quali ha investito 100 euro al mese per un periodo variabile tra i 20 e i 30 mesi, in diversi archi temporali, che hanno tenuto l’investimento fino a oggi: l’holder “early adopter” che ha puntato sulla cripto nel 2012, investendo per due anni; un “follower”, che è entrato nel 2015 e un “new comer” che è entrato nell’aprile 2019 acquistano fino al mese scorso. Vediamo com’è andata.

  • PAC dell’early adopter: il Bitcoin ha visto la luce nell’ottobre 2009, quando però era affare per pochi appassionati. Chi lo ha scoperto un paio di anni dopo, doveva avere alcune competenze informatiche per poterlo acquistare. E doveva comprenderne il grande potenziale in un mondo che rispetto all’idea dietro alla criptovaluta era indietro anni luce. A maggio 2012 il valore del bitcoin si aggirava sui 2 dollari: è facile capire perché i pionieri del bitcoin sono oggi tutti milionari. E lo sono anche quelli che per un periodo di due anni hanno investito 100 euro al mese e deciso di tenere l’asset fino a oggi. Sono passati dieci anni: i 2.000 euro circa dei pionieri sono diventati oggi più di più di 7 milioni di euro con un aumento del 350.000%.
  • PAC del follower: a luglio 2015 il prezzo medio di bitcoin era di circa 270 euro e in quell’intorno si è aggirato fino a settembre per portarsi a quota 357 a novembre e 397 a dicembre. Nel 2016 il prezzo ha continuato a crescere costantemente ma lentamente fino a superare i 900 euro a dicembre, raggiungendo il traguardo dei mille a febbraio 2017. Il 2017 è l’anno del grande boom: mese dopo mese la cripto sale  vertiginosamente arrivando a quotare 2.400 euro a luglio, 4.000 ad agosto fino agli oltre 8.500 euro a novembre e agli 11.850 di fine anno (con picchi anche di 17mila euro). La simulazione realizzata anche in questo caso prevede un investimento di 100 euro al mese su un orizzonte dei 30 mesi. Nell’ipotesi che l’investitore in questo caso abbia detenuto i bitcoin fino ad oggi, i 3.000 euro varrebbero oggi oltre 300mila euro con un aumento del 10mila%.
  • PAC del new comer: l’investitore ritardatario è entrato nel mercato ad aprile 2019, qualche mese dopo il rally di fine 2018 Ha iniziato ad investire 100 euro al mese quando l’asset valeva circa 4.000 euro ed è andato avanti per 20 mesi, passando attraverso il giovedì nero del marzo 2020 (inizio dell’era Covid) e tutte le fluttuazioni degli ultimi mesi I 3.000 euro investiti da aprile 2019 fino al mese scorso supererebbero oggi i 15.000 euro: un aumento di cinque volte in un arco temporale molto ristretto, appena due anni e mezzo.