Bitcoin a un soffio da $60 mila, vicino l’ok primo Etf negli Usa

15 Ottobre 2021, di Mariangela Tessa

Continua la corsa del Bitcoin, che aggiorna i massimi degli ultimi sei mesi a un soffio da quota 60.000 dollari. Dopo l‘endorsement del presidente russo, Vladimir Putin, ad alimentare i nuovi rialzi, ci pensa l’ottimismo dei trader sul prossimo lancio di un fondo negoziato in borsa basato sui contratti futures della criptovaluta.
Stando a Bloomberg News, la Securities and Exchange Commission (Sec) degli Stati Uniti sarebbe infatti pronta ad approvare l’inizio delle negoziazioni del primo Etf sui futures su bitcoin già la prossima settimana.

Rumors che hanno spinto la principale criptovaluta fino a 59.664 dollari, il livello più alto da metà aprile. Il valore della valuta digitale è raddoppiato quest’anno ed è vicino al record di aprile di dollari 64.895.

Ben Caselin, responsabile della ricerca e della strategia presso la piattaforma di scambio di criptovalute Aax, con sede in Asia, ha detto che il picco di bitcoin sopra i 59.000 dollari non è arbitrario e che gli investitori a lungo termine lo stavano accumulando da un po’.

Analisti bullish sul Bitcoin

Tra fiammate al rialzo, e successive prese di beneficio, il Bitcoin si avvicina dunque alla soglia psicologica dei 60 mila dollari. Un tetto che, secondo alcuni, sarà ampiamente superato entro fine anno, quando è atteso un ulteriore rimbalzo a 70 mila dollari.
Ne è convinto Armando Aguilar, digital asset strategist presso Fundstrat Global Advisors, secondo il quale la valuta digitale potrebbe presto raggiungere un nuovo record grazie un mix di notizie positive tra cui crescente interesse verso la moneta digitale degli investitori, istituzionali, ma anche l’ottimismo sull’approvazione da parte della SEC del primo Etf con esposizione diretta al bitcoin.

L’esperto cita a sostegno della sua tesi anche un recente aumento dei volume delle transazioni di bitcoin, principalmente quelle con dimensioni superiori a $ 10 milioni.
“Durante la sua precedente corsa verso i massimi storici, il Bitcoin ha beneficiato di un aumento simile nelle transazioni di maggiori dimensioni, probabilmente riconducibili ad acquisti da parte di investitori istituzionali e trader che entrano in posizioni lunghe”, ha detto Aguilar al sito finanziario MarketWatch.

La maggior parte degli analisti prevede un massimo storico a novembre, con un rally che potrebbe continuare fino a gennaio, febbraio”, gli ha fatto eco Rosh Singh, amministratore delegato della piattaforma di trading di criptovalute Quadency.

Una view bullish sul Bitcoin è infine arrivata anche da Craig Erlam, analista di mercato senior, Regno Unito e EMEA, OANDA:Abbiamo visto che inizia a perdere slancio nell’avvicinamento a 60.000 dollari, che è la prossima barriera psicologica al rialzo. Ma a lungo termine, sembra esserci molto supporto dietro il rally del bitcoin che potrebbe puntare a nuovi massimi di tutti i tempi in un futuro non troppo lontano”.