Binance si assicura una licenza per operare a Dubai

18 Marzo 2022, di Gianmarco Carriol

L’exchange di criptovalute Binance ha annunciato mercoledì di aver ottenuto una licenza per operare a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. La presenza dell’azienda in Medio Oriente si è rafforzata molto ultimamente, con una licenza di provider di servizi crittografici in un altro mercato del Golfo, il Bahrain, in arrivo all’inizio di questa settimana.

Sotto la licenza del Dubai Virtual Asset Provider (VASP), l’exchange potrà aprire un ufficio nell’emirato e fornire servizi di scambio di asset digitali a investitori prequalificati e società finanziarie secondo le linee guida normative recentemente adottate. Dubai è uno dei sette emirati che costituiscono la federazione degli Emirati Arabi Uniti. Può ospitare 22 VASP, con una nuova licenza di scambio di risorse virtuali (VAX) introdotta nella zona economica speciale dell’emirato. La prima società di criptovalute a ottenerne una è stata FTX, che ha annunciato lo sviluppo all’inizio di questa settimana.

Questa mossa fa parte della strategia espansionistica di Binance in Medio Oriente. Il 15 marzo, l’exchange di criptovalute ha riferito di aver ottenuto una licenza per operare in un altro paese del Golfo, il Bahrain. Consentirà al più grande exchange mondiale per volume di fornire trading, custodia e gestione del portafoglio per i clienti del Bahrein.

Sia il Bahrain che gli Emirati Arabi Uniti (e Dubai, in particolare) adottano un approccio favorevole all’innovazione e competono per lo status di giurisdizione più cripto-supportata della regione. Nel gennaio 2022, la Banca Centrale del Bahrain (CBB) ha testato con successo il sistema di pagamento crittografico della banca d’investimento JP Morgan.

L’introduzione della nuova legislazione sulle criptovalute negli Emirati Arabi Uniti nel marzo 2022 è stato un passo importante negli sforzi in corso della federazione emiratina per “aiutare il settore a crescere e proteggere gli investitori”, come ha affermato il primo ministro del paese, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum.