Bezos fa lo sgambetto a Musk, torna l’uomo più ricco al mondo

17 Febbraio 2021, di Mariangela Tessa

Non solo la conquista delle spazio, ma anche quella del primo posto della classifica dei più ricchi al mondo. È una battaglia senza esclusione di colpi quella tra Elon Musk e Jeff Bezos.
L’ultima vittoria va al fondatore di Amazon che, sfruttando la recente discesa del titolo Tesla (ieri -2,4% alla chiusura di Wall Street), riacciuffa il primo posto della classifica degli uomini più ricchi al mondo.

Il sorpasso è stato certificato da Forbes: i dati aggiornati in tempo reale , indicano un patrimonio personale di Musk pari a 173 miliardi di dollari contro i 190 miliardi di Bezos.

Il numero uno di Amazon, che pochi giorni fa ha annunciato che lascerà il suo posto di a.d. a Andy Jassy, torna così in cima alla classifica dei Paperoni più ricchi al mondo. Titolo che è stato suo dal 2017 fino allo scorso mese, quando gli è stato soffiato Musk.

Bezos, battaglia nello spazio

Ma la “guerra” tra i due titani dell’industria hi-tech Usa, non si gioca solo sul terreno della ricchezza personale. Come dicevamo, l’ultimo terreno di scontro è rappresentato dal settore aerospaziale.

Blue Origin, che fa capo a Bezos, è rimasta indietro rispetto a SpaceX di Musk: lo scorso anno la prima, per fare un esempio, ha perso miliardi di dollari di commesse contro SpaceX e United Launch Alliance (ULA, joint venture di Boeing Co e Lockheed Martin Corp.) per le missioni di sicurezza nazionale della Difesa Usa che inizieranno nel 2022.

Ora la nuova battaglia si gioca su un altro campo.  Sia SpaceX che Blue Origin sono in lizza per aggiudicarsi diversi appalti strategici all’interno della Missione Artemis, l’impegno degli Stati Uniti per riportare l’uomo sulla Luna.In particolare, la sfida più serrata riguarda il lander lunare che verrà scelto dalla NASA per la sua missione.

Ma non solo. Sul fronte del turismo nello spazio, è di pochi giorni fa la notizia del primo volo orbitale riservato ai “civili” di SpaceX.

L’appuntamento è fissato nel quarto trimestre di quest’anno. È allora che il volo, interamente finanziato da un trentasettenne miliardario americano, Jared Isaacman, fondatore della società Shift Payments e esperto pilota di jet, partirà alla volta dello spazio.