Bezos e Gates scommettono su start-up per rivoluzionare cura del cancro

13 Gennaio 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – E’ l’ultima scommessa di Jeff Bezos e Bill Gates. Si chiama Grail ed e’ una start-up americana la cui missione e’ quella di mettere a punto una diagnosi precoce dell’esistenza di un tumore tramite gli esami del sangue.

Lunedì scorso, il gruppo, spinoff di Illumina (societa’ attiva nella ricerca delle sequenze del dna), ha annunciato di aver incassato 100 milioni di dollari di nuovi finanziamenti.

Tra i maggiori finanziatori di questo round, ci sarebbero appunto il numero uno di Amazon e il fondatore di Microsoft, oltre a Arch Venture Partners e Sutter Hill Ventures.

“Siamo fiduciosi di essere ad un punto di svolta nella guerra contro il cancro“,  ha detto Jay Flatley, amministratore delegato di Illumina e presidente del consiglio di Grail. “Grazie alla diagnosi precoce del cancro in soggetti asintomatici, ci proponiamo di ridurre la mortalità per tumore in maniera massiccia, individuano la malattia in uno stadio curabile”.

Sebbene gli esperti siano positivi sul potenziale di sviluppo delle tecnologie su cui sta lavorando Grail, da un punto di vista finanziario non ci sono certezze che tale modello di business possa essere redditizio per il gruppo.