Bce: Liikanen, l’incognita nella corsa per la successione di Draghi

3 Aprile 2018, di Mariangela Tessa

Nella corsa alla successione di Mario Draghi alla guida della Bce spunta il nome del banchiere centrale finlandese Erkki Liikanen. È questo secondo il Financial Times il candidato più papabile nella maratona per la poltrona piú alta dell’istituto di Francoforte, al termine del mandato di Draghi nel novembre del 2019.

Per il quotidiano finanziario della City, Liikanen “emerge come candidato di compromesso per la poltrona più importante della finanza europea”. E di conseguenza avrebbe maggiori possibilità di affermarsi rispetto al tedesco Jens Weidmann, presidente della Bundesbank la cui linea da falco creerebbe attriti tra le componenti del Consiglio.

In quanto governatore della Banca centrale finlandese, Liikanen siede nel Consiglio direttivo della Bce da 14 anni dove si è:

“riposizionato al centro rispetto alla precedente linea intransigente, appoggiando le misure ultra espansive varate contro il peggior crollo dell’economia dagli anni ’20 del secolo scorso”.

Quindi, secondo il Financial Times a 67 anni i piani di pensionamento di Liikanen potrebbero finire in soffitta (il suo mandato alla guida della banca centrale nordica scade a luglio).