Barroso: Italia, “il deficit è in ordine ma debito pubblico ancora molto elevato”

9 Dicembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – “Il deficit italiano è in ordine ma l’indebitamento pubblico rimane ancora molto elevato”. E’ quanto ha detto il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, nella trasmissione “Che tempo che fa” di Fabio Fazio.

“Nell’ambito del programma di bilancio preventivo di quest’anno, l’Italia, che ha già ottenuto di fatto un obiettivo importante sul deficit, non ha ancora presentato un progetto di aggiustamento strutturale dell’indebitamento sufficiente. Ma questo deve essere un incoraggiamento”.

Sulle prospettive per il futuro: “L’Italia va verso la crescita ma sarebbe un errore abbandonare le riforme”.

“Noi prevediamo una crescita già dall’anno prossimo in Italia. Pensiamo però sia un errore abbandonare delle riforme che sono state così coraggiose come quelle implementate dal governo attuale”.

Riguardo all’allarme lanciato, nei giorni scorsi, dal Commissario agli Affari economici Olli Rehn, Barroso ha detto che “l’Unione europea cerca di creare incentivi per l’Italia. Interpreto le dichiarazioni di Olli Rehn come un incentivo, una sfida amichevole sferrata all’Italia perché si vuole che sia decisa”.

Secondo Barroso, “l’Italia è uscita da un deficit eccessivo, coloro che erano scettici su questo si sono sbagliati”. Adesso è “nelle mani degli italiani mostrare agli scettici che non hanno ragione, che l’Italia è in grado di mettere a posto la sua finanza pubblica”.