Bancomat di criptovalute: mercato da $144 milioni in 5 anni

31 Agosto 2018, di Redazione Wall Street Italia

Una nuova ricerca pubblicata da MarketsandMarkets indica che il mercato per gli sportelli automatici di criptovalute passerà da 16,3 milioni di dollari nel 2018 a 144,5 milioni di dollari nel 2023.

Si parla quindi di un tasso di crescita annuo composto (CAGR) del 54,7% in cinque anni. Il report spiega questo aumento della domanda di sportelli del bancomat crypto (ATM) con il fatto che sempre più settori e industrie accettano pagamenti digitali, con particolare riferimento alle criptovalute.

Il segmento che dovrebbe crescere di più, secondo questa previsioni, è quello dei bancomat “a doppia funzionalità”, ovvero dispositivi che permettono al cliente di comprare e vendere criptovalute all’interno di un unico ATM.

Questo tipo di apparecchi è ancora poco diffuso e proprio per questo MarketsandMarkets punta sulla sua crescita sostenuta, fino ad acquistare un ruolo di preminenza nella nicchia degli sportelli automatici di criptovalute.

Il report inoltre sostiene che il settore sarà dominato dagli ATM con display e che il Nord America occuperà la quota di mercato più grande.

“La diffusione di questi apparecchi non solo rende in generale il mondo delle più crypto meno virtuale e più user-friendly, ma rappresenta un propulsore da tenere d’occhio per l’adozione del BTC (bitcoin)”, commenta Anatoliy Knyazev, co-fondatore di Exante, broker dietro al primo fondo in bitcoin al mondo.

A questo proposito, il portale CoinAtmRadar riferisce che nel mese di luglio sono stati creati in media 5 nuovi sportelli automatici al giorno che accettano criptovalute. E per la stragrande maggioranza supportano bitcoin.