Banche centrali, alcuni analisti prevedono tagli dei tassi. Ecco perchè

1 Luglio 2022, di Gianmarco Carriol

Le banche centrali di tutto il mondo hanno intrapreso un percorso di rialzi dei tassi troppo aggressivo, ma non tutti si aspettano che questo approccio duri.

La Fed ha aumentato il tasso di interesse di riferimento di 75 punti base a un intervallo compreso tra 1,5% e 1,75% a giugno e il presidente Jerome Powell ha indicato che potrebbe esserci un’altra mossa simile a luglio. La maggior parte degli operatori di mercato prevede che i rialzi continueranno almeno fino alla fine del prossimo anno. Ma non tutti sono d’accordo. Uno di loro è Erik Nielsen, capo economista mondiale di UniCredit, che ha dichiarato martedì:

“Puoi davvero aumentare i tassi di interesse in una recessione anche se l’inflazione è alta? Sarebbe insolito. C’è un’alta probabilità che la Fed finisca per tagliare i tassi verso, più o meno, la fine del prossimo anno o qualcosa del genere”.

I suoi commenti arrivano tra le crescenti preoccupazioni su una possibile recessione sia per gli Stati Uniti che per la zona euro. All’inizio di questo mese, la Banca Mondiale ha ridotto drasticamente le sue previsioni di crescita globale e ha avvertito che l’economia rischia di finire in una stagflazione simile a quella degli anni ’70.

Se ciò dovesse accadere, alcuni analisti affermano che i continui aumenti dei tassi il prossimo anno sono insostenibili e rischiano di colpire l’economia ancora più duramente.

La Fed non si preoccupa dell’aumento dei tassi

Alla domanda se gli Stati Uniti vedrebbero tagli dei tassi il prossimo anno a causa di una potenziale recessione, Loretta Mester, presidente della Federal Reserve Bank di Cleveland, ha risposto mercoledì:

“Non lo vedo nel mio scenario base, ma ancora una volta, dovremo valutare le condizioni economiche sul campo mentre andiamo avanti”.

Mester non si aspetta che l’economia statunitense entri in una recessione (che si ha quando con due trimestri consecutivi di declino economico), ma vede la crescita rallentare quest’anno.

Ma per alcuni attori del mercato, oltre che per le aziende, pare in arrivo una recessione. Cathie Wood, ceo di Ark Invest, ha dichiarato martedì alla Cnbc che gli Stati Uniti sono già in recessione.

L’attento monitoraggio del Pildella Fed indica anche che l’economia statunitense si sta dirigendo verso una recessione. Il tracker GDPNow della Fed di Atlanta ora punta a una contrazione dell′1% per il secondo trimestre, dopo una flessione dell′1,6% del Pil nei primi tre mesi dell’anno.

Questo potenziale arresto della crescita è il motivo per cui gli economisti di Berenberg si aspettano che la Fed inizi a tagliare i tassi alla fine del prossimo anno. E prevedono che il tasso chiave della Fed raggiungerà il picco in un intervallo compreso tra il 3,5% e il 3,75% nella prima metà del 2023. Precisamente, hanno scritto in una nota il 21 giugno:

“Prevediamo che la Fed farà quindi una pausa e abbasserà i tassi in risposta alla minore inflazione e alle condizioni recessive – incluso un marcato aumento della disoccupazione dal quarto trimestre del 2023 in poi – a un intervallo del 2,75-3% per il tasso sui fondi Fed entro la fine del 2024”.

Nel caso della Bce, hanno affermato che “probabilmente smetterà di aumentare i tassi al raggiungimento di un tasso di rifinanziamento dell′1% nel dicembre 2022 e rimarrà a quel livello nel 2023 e nel 2024″.

La Bce ha finora confermato la sua intenzione di aumentare i tassi a luglio, il primo in 11 anni, e poi di nuovo a settembre. Il membro del Consiglio direttivo della Bce e governatore della banca centrale austriaca Robert Holzmann ha affermato che c’è molto spazio per continuare ad aumentare i tassi dopo settembre:

“Dovremo valutare dove sta andando lo sviluppo economico e dove sta l’inflazione e in seguito c’è ampio spazio per aumentare i livelli di 0,25 e 0,5 a qualsiasi tasso riteniamo ragionevole”.