Banca Mediolanum alza il velo sui conti: semestre da incorniciare con utile netto in crescita del 79%

29 Luglio 2021, di Alessandra Caparello

Utile netto in crescita del 79% a quota 268,7 milioni di euro dai 150,5 milioni del primo semestre 2020 e anche la raccolta netta festeggia un semestre da record con le commissioni ricorrenti a 698 milioni di euro. Banca Mediolanum alza il velo sui conti relativi al primo semestre del 2021 che confermano nuovamente il pieno stato di salute dell’istituto in tutti gli ambiti come ha sottolineato l’AD Massimo Doris.

Banca Mediolanum: i risultati del primo semestre 2021

Il margine operativo continua a crescere sostanzialmente anno dopo anno, anche grazie al significativo trend di decremento innescato nel rapporto cost/income, con l’ennesima conferma della forza del business ricorrente in Italia ma anche in Spagna. Sono ottimi anche i segnali sul fronte del reclutamento e dell’acquisizione della clientela, con l’inserimento di 300 nuovi Family Banker che si sono uniti al nostro Gruppo nel primo semestre, e di 90.000 nuovi clienti bancari. Tutto ciò si traduce in ultima analisi in un utile netto di 269 milioni di euro, in crescita del 79% rispetto al primo semestre dell’anno scorso”.

Andando nel dettagli dei risultati, emerge che il  Margine da Interessi è pari a 129,9 milioni, in crescita del 15%, e fortemente sostenuto dalle erogazioni alla clientela e dal costo della raccolta retail più contenuto rispetto allo scorso anno. Il Margine Operativo ammonta a 245,3 milioni, superiore del 27% rispetto al primo semestre del 2020, evidenziando la forte efficienza operativa del modello.

Il totale del Patrimonio Amministrato ha raggiunto 102,2 miliardi, con un incremento del 9% rispetto al 31 dicembre 2020 e del 20% rispetto al 30 giugno scorso. Tale livello record – come si legge in una nota – è stato raggiunto grazie al determinante contributo della raccolta netta totale e alla performance positiva dei mercati durante tutto il semestre. Gli Impieghi alla clientela retail del Gruppo si attestano a 13,2 miliardi, in crescita del 9% rispetto al 31 dicembre 2020 e del 19% anno su anno. Il Common Equity Tier 1 Ratio di Banca Mediolanum al 30 giugno 2021 conferma l’assoluta solidità dell’istituto guidato da Massimo Doris, attestandosi al 21,3%, già considerando il pagamento del saldo dividendo di € 0,753 per azione approvato dall’Assemblea degli Azionisti.

Raccolta netta totale tocca 4,67 miliardi

In merito alla Raccolta Netta Totale, questa è stata positiva per 4,67 miliardi, mentre la Raccolta Netta Gestita ha raggiunto  3,30 miliardi, in consistente aumento rispetto ai  2,09 miliardi dello scorso anno. I Premi Assicurativi delle Polizze Protezione, inoltre, hanno registrato un aumento del 29%, raggiungendo i 76,7 milioni, mentre il  numero dei Family Banker al 30 giugno 2021 è pari a 5.604 in aumento del 3% rispetto alla fine dello scorso anno, grazie ai consistenti inserimenti in organico sia in Italia sia in Spagna, mentre il totale dei Clienti si attesta a 2.261.000, in aumento del 4% rispetto alla fine del 2020. Prosegue Massimo Doris:

“Ricordo quindi il traguardo appena raggiunto degli oltre 100 miliardi di patrimoni della clientela. Infine, in base a quanto appreso dalle comunicazioni ufficiali, dal momento che BCE e Banca d’Italia hanno consentito alle banche di riprendere la loro politica di dividendi, abbiamo iniziato le nostre interlocuzioni con l’autorità di riferimento per procedere nel prossimo mese di ottobre al pagamento di quanto già deliberato”. Conclude l’amministratore delegato: “È per me un grande orgoglio commentare risultati come questi e nel farlo voglio ringraziare tutte le donne e gli uomini di Banca Mediolanum che quotidianamente li rendono possibili”.

Prexta: nuova società specializzata in consumer finance di Banca Mediolanum

Qualche settimana fa il gruppo Mediolanum ha presentato Prexta la nuova società  specializzata in consumer finance. Prexta nasce da EuroCQS, che già faceva parte del gruppo fondato da Ennio Doris da tre anni e che ha erogato nel periodo 1,2 miliardi di euro, cambia pelle per rivolgersi a una platea più ampia: al pubblico delle famiglie consumatrici con una gamma completa di finanziamenti che include i prestiti personali, le soluzioni di consolidamento, che si aggiungeranno alla specializzazione nella cessione del quinto.

“Entriamo con forza nel segmento del consumer lending e vogliamo farlo con l’approccio distintivo che da sempre rende unica Banca Mediolanum: cliente sempre al centro ed alta qualità del servizio”, ha dichiarato, Gianluca Bosisio, dg di Mediolanum, “si tratta di un ulteriore snodo strategico – ha aggiunto – Prexta infatti ci consentirà di attivare una importante linea di impiego della liquidità, in un segmento in crescita e ad alta redditività. Prexta ci permette poi di fruire di un canale addizionale di contatto e acquisizione di nuova clientela retail”.

“L’obiettivo che oggi ci poniamo è quello di raggiungere quote di mercato e risultati economici significativi nell’arco dei prossimi 5 anni, affermandoci tra i player protagonisti, così come avvenuto nella cessione del quinto”, dichiara Salvatore Ronzino, ad di Prexta, “lo sviluppo prevede il potenziamento aziendale in tutte le dimensioni più strategiche, a cominciare dalla distribuzione dove intendiamo aumentare la rete specializzata con un piano di recruiting”.