Attentato Berlino allunga ombra su rielezione Merkel

20 Dicembre 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – L’attacco terroristico che ieri ha colpito Berlino rischia di compromettere definitivamente la possibile rielezioni della Merkel. Da mesi sotto accusa per la sua politica a sostegno dei migranti, dopo l’attentato di ieri la cancelliera vede sempre più difficile la possibilita’ che possa essere riconfermata per il quarto mandato alle elezioni federali in programma nell’autunno 2017.

Angela Merkel deve ora infatti affrontare una reazione furiosa scatenata dalla sua politica delle porte aperte in materia di immigrazione dopo l’attacco mortale del camion lanciatosi ieri in un mercato di Natale nel cuore di Berlino. Una reazione tanto piu’ forte in quanto sembra che alla guida del camion piombato a tutta velocità sulla folla che visitava i mercatini di Natale, uccidendo 12 persone e ferendone 48, ci fosse un pakistano richiedente asilo politico.

Parlando con la Cnbc, Otso Iho, analista senior di IHS, ha detto che i problemi di sicurezza che la Germania si trova ad affrontare sono davvero un “problema enorme” per la Merkel. “Gli attacchi che abbiamo visto durante l’estate e che sono stati rivendicati dallo Stato Islamico avranno di sicuro un impatto negativo soprattutto perché e’ sempre piu’ numerosa la fetta della popolazione che lega le minacce di terrorismo della Germania alla crisi migratoria in Europa”.

Piu’ ottimista, Ian Bond, direttore della divisione di politica estera del Centre for European Reform, secondo cui e’ ancora troppo presto per dire quanto questo avrà un impatto le possibilità elettorali della Merkel. “ Ci sono ancora diversi mesi prima delle elezioni. C’e’ quindi tempo per il governo di dimostrate di essere in grado di combattere la minaccia terroristica” ha detto, specificando tuttavia che possibili nuovi attentati in cui possano essere coinvolti immigrati che hanno fatto richiesta di asilo politico, potrebbero avvantaggiare il voto anti-immigrazione.

Intanto, secondo un sondaggio di metà novembre pubblicato dal quotidiano Bild, il 55% dei tedeschi vuole che la Merkel resti in carica, rispetto al 42% rilevato ad agosto. Ma il clima in Germania è cambiato notevolmente nei tre anni successivi alla vittoria della cancelliera soprattutto per via delle forti critiche nei confronti della gestione della politica nei confronti degli immigrati