Apple inverte la marcia dei FAANG: conti positivi e titolo brilla a Wall Street

1 Agosto 2018, di Alessandra Caparello

Occhi puntati ieri a Wall Street su Apple dopo la presentazione dei conti in un momento in cui i FAANG sono in zona retrocessione. Ebbene l’azienda di Cupertino sembra aver invertito la rotta di marcia e annuncia risultati positivi per il terzo trimestre dell’anno fiscale 2018 da Apple.

Il fatturato trimestrale registrato dalla società guidata da Tim Cook è di 53,3 miliardi di dollari, con un incremento del 17% rispetto al trimestre di un anno fa, e gli utili trimestrali per azione a 2,34 dollari, in crescita del 40%. Bene il comparto vendite che ha visto 41,3 milioni di iPhone, 11,55 milioni di iPad e 3,7 milioni di Mac venduti, numeri più alti rispetto ad un anno fa. Le vendite all’estero hanno rappresentato il 60% del fatturato del trimestre.

Siamo felici di annunciare il miglior trimestre di giugno di Apple e il nostro quarto trimestre consecutivo di crescita del fatturato a due cifre. I nostri risultati nel terzo trimestre sono stati trainati dalle forti vendite di iPhone, Servizi e wearable, e siamo entusiasti dei prodotti e dei servizi in arrivo.

Così ha dichiarato Tim Cook, CEO di Apple che per l’occasione ha anche ribadito la posizione dell’azienda in merito alla crescente guerra commerciale in corso tra Usa e Cina, affermando che le tariffe possono avere “conseguenze indesiderate” per i consumatori e l’economia, e in generale non sono l’approccio giusto per modernizzare le relazioni tra Stati Uniti e Cina.

“Le relazioni commerciali e gli accordi che gli Stati Uniti hanno tra gli Stati Uniti e le altre principali economie sono molto complessi, ed è chiaro che molti hanno bisogno di modernizzazione, ma pensiamo che nella stragrande maggioranza delle situazioni che le tariffe non sono l’approccio giusto.

In particolare smartphone e computer portatili se dovesse attuarsi l’ultimo round di proposte tariffarie degli Stati Uniti su $ 200 miliardi di merci cinesi, potrebbe essere colpiti, specie quelli dediti alla salute, tra cui l’Apple Watch.

Tornando ai conti di Apple, tutti i risultati sono sopra le attese degli analisti, e così l’azienda vola in Borsa nelle contrattazioni after hours, dove arriva a guadagnare il 3%.