Apple e’ la n.1 nei computer

29 Aprile 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – Apple, la creazione di Steve Jobs, non finisce mai di stupire, e in modo positivo. Il colosso è diventato infatti ufficialmente il produttore di computer numero uno al mondo. La prova del nove viene dai profitti e dalla crescita del gigante americano, ma anche dai margini nella divisione di business dei PC che, al 35%, giustificano il suo primato su altri concorrenti ben noti. Grazie all’iPad, poi, tra il primo trimestre del 2010 e il primo trimestre del 2011, Apple ha segnato una crescita al ritmo incredibile del 187,9%.

Certo, se si include proprio la vendita degli iPad, Apple risulta essere al quarto posto nella classifica -vedi tabella allegata – in termini di volumi consegnati, dietro HP, Acer e Dell. Ma la sua ascesa nell’Olimpo degli dei dell’informatica è una realtà ormai consolidata da tempo, tanto che il suo nome equivale a una vera e propria minaccia.

Non è forse anche per “colpa” di Apple che Microsoft ha comunicato ieri di aver assistito nel suo ultimo trimestre di bilancio a un calo delle vendite nella sua divisione Windows? Il colosso software di Bill Gates ha sofferto proprio la competizione dell’iPad, che ha fatto scendere drasticamente la domanda per le applicazioni Windows. E così è stata la prima volta, in ben 20 anni, che Microsoft ha riportato utili trimestrali inferiori a quelli di Apple.

Il giro d’affari di Windows è sceso infatti del 4,4% a $4,45 miliardi, al di sotto delle stime del consensus di Bloomberg, che prevedevano almeno un valore a $4,6 miliardi. L’utile netto è stato invece di $5,23 miliardi, ed è stato così eclissato dai profitti dell’ultimo trimestre di Apple, che sono stati pari a $5,99 miliardi.

Come se non bastasse, le consegne di PC di Microsoft sono calate dell’8% e le vendite di netbook – ovvero i portatili dai bassi prezzi che sono diventati tanto popolari durante il periodo della recessione – sono crollate del 40%.

“Bisogna vivere in una caverna per non capire che ormai l’iPad ha strappato fette di mercato ai netbook – ha commentato in una intervista a Bloomberg Pat Becker, direttore di Becker Capital Management, che investe tra l’altro su Microsoft – E’ un problema che riguarda il lato dei consumatori, visto che è qui che Microsoft continua a perdere terreno nei confronti di Apple”. E anche Brandan Barnicle, analista presso Pacific Crest Securities, afferma che i risultati di Microsoft dimostrano “la perdita di fette di mercato, e anche parte di un processo reale di deterioramento”.