Apple, calano vendite iPhone: fine di un’era

27 Gennaio 2016, di Alessandra Caparello

CUPERTINO (WSI) –  Dopo quasi quindici anni, da marzo 2015 sono calate le vendite dell’iPhone, lo smartphone più famoso al mondo prodotto dall’Apple, azienda fondata da Steve Jobs che oltre al melafonino produce iPad e Mac.

Le entrate nel primo trimestre fiscale  sono calate arrivando a 75,9 miliardi di dollari contro i 76,54 miliardi previsti dagli analisti di Wall Street. In particolare, l’aumento dello 0,4% nelle spedizioni è il più basso da quando il prodotto è stato lanciato nel 2007. Le vendite internazionali hanno rappresentato il 66 percento del fatturato trimestrale.

A pesare sul calo delle vendite, la volatilità di alcune economie, tra cui la Cina, così come la moneta e l’instabilità dei mercati finanziari. Proprio senza l’impatto delle fluttuazioni valutarie, le vendite di Apple per l’ultimo trimestre sarebbe stato in crescita dell’8%. Nonostante ciò l’utile netto sale a 18,4 miliardi di dollari, in crescita dell’1,9% così come il fatturato a 74,6 miliardi di dollari.

“Siamo in un momento drammaticamente diverso” – ha sottolineato l’attuale ceo di Apple, Tim Cook.

“Il nostro team ha portato a termine il più grande trimestre di sempre per Apple, grazie ai prodotti più innovativi al mondo e alle vendite record di sempre per quanto riguarda iPhone, Apple Watch e Apple TV (…) La crescita del nostro business dei Servizi ha accelerato nel corso del trimestre fino a produrre risultati record, e la nostra base installata recentemente ha raggiunto l’importante traguardo di un miliardo di dispositivi attivi”.

Nonostante ciò il Ceo Tim Cook ha sottolineato: I nostri risultati sono impressionanti considerando il difficile contesto macroeconomico globale (…) Stiamo vedendo oggi condizioni estreme mai sperimentate prima”.

Il numero uno dell’azienda di Cupertino annuncia che Apple “continuerà ad investire senza sosta”, specie nell’ambito della ricerca e sviluppo, considerando che secondo gli analisti il primo calo delle vendite di iPhone più che una crisi è un campanello d’allarme per i progettisti di Cupertino che dovranno puntare ad un prodotto ancora più rivoluzionario.