Andare in pensione prima dei 40 anni, il racconto di chi ce l’ha fatta

24 Aprile 2019, di Alberto Battaglia

Ridurre le spese all’osso e investire quanto più possibile, iniziando non appena entrati nel mondo del lavoro. Con questa strategia, alcuni americani sono riusciti a ritirarsi dal mondo del lavoro prima dei quarant’anni, potendo contare sulle rendite dei propri risparmi.

È quanto raccontano all’emittente Cnbc investitori come Chris Reining, che è riuscito a lasciare il suo lavoro come tecnico informatico a 37, avendo risparmiato oltre un milione di dollari. L’elemento cruciale della sua strategia ha aggiunto a uno stile di vita attento, l’aiuto dell’automazione: metà dei suoi redditi venivano prelevati col pilota automatico, per prendere la via dei fondi pensione.

L’altro – ovvio – elemento del piano è riuscire a sopravvivere con la parte rimanente del proprio reddito. Le tre grandi spese da tenere sotto controllo sono tre: abitazione, cibo e trasporti.

“Vivi nell’appartamento meno costoso che puoi, trova coinquilini, compra un appartamento con due camere da letto e affitta l’altra stanza per mantenere le spese di alloggio più basse possibile”, è il consiglio di un altro baby pensionato Grant Sabatier, riuscito a risparmiare circa l’80% dei suoi redditi, “se riesci a ridurre le spese per l’alloggio da 2mila a 600 o 700 dollari, all’improvviso, avrai tagliato 10 o 15 anni del tempo che sarebbe altrimenti necessario per andare in pensione”.

I sacrifici compiuti per risparmiare dai baby pensionati

Justin McCurry, un ingegnere che si è lasciato alle spalle la vita lavorativa prima dei quarant’anni assieme con sua moglie, ha elencato alcuni dei sacrifici compiuti per risparmiare e investire quanto più possibile. Ad esempio, mantenere la propria automobile quanto più possibile, per poi sostituirla con un’altra vettura usata, rinunciare al ristorante per cucinare di più a casa, scegliere l’istruzione pubblica per i tre figli (esclusa l’università).

Un altro espediente per migliorare la propria motivazione consiste nel controllare quotidianamente l’andamento dei propri risparmi, la cui crescita può diventare un potente incentivo a continuare il percorso. “Guardo il mio patrimonio netto ogni giorno quando mi sveglio la mattina e prendo il caffè”, ha aggiunto Sabatier, “ci sono poche motivazioni più grandi del vedere aumentare questo numero nel tempo, non importa da dove si cominci”.