Analisti: aumentano chance di recessione Usa, meglio puntare su Borse europee

12 Agosto 2019, di Mariangela Tessa

Crescono i timori che la guerra commerciale con la Cina finisca per spedire dritto in recessione l’economia degli Stati Uniti. A ribadire un concetto, sempre più diffuso negli uffici studi della banche americane, ci hanno pensato gli analisti di Goldman Sachs, che hanno rivisto al ribasso le previsioni di crescita degli Stati Uniti del quarto trimestre di 20 punti base all’1,8%.

Gli esperti della banca americana hanno fatto un passo indietro in merito ai tempi previsti per un accordo Usa-Cina, affermando che non è più prevista prima delle elezioni presidenziali del 2020.

“Nel complesso, abbiamo aumentato la nostra stima dell’impatto sulla crescita della guerra commerciale”, si legge in una nota, in cui si specifica che l’incertezza causata dalla guerra commerciale potrebbe indurre le imprese a ridurre le spese fino a quando le tensioni non saranno risolte “Allo stesso modo, l’effetto del sentiment degli affari di un maggiore pessimismo riguardo alle prospettive delle notizie sulla guerra commerciale può portare le imprese a investire, assumere o produrre di meno”, ha scritto Hatzius.

Gli analisti Goldman hanno affermato di aspettarsi che il presidente Donald Trump attui la sua minaccia di imporre tariffe del 10% su ulteriori $ 300 miliardi di esportazioni cinesi a partire dal 1 settembre.

E sul rischio di recessione in aumento, oggi Bank of America ha detto di aspettarsi ora e una probabilità di recessione superiore al 30% nel prossimo anno.

“Il nostro modello ufficiale indica al 20% le chance di recessione nei prossimi 12 mesi, ma la nostra chiamata soggettiva basata sulla quantità di dati ci porta a credere che sia più vicina a una possibilità su tre” ha dichiarato Ethan Harris, economista di Bank of America in una nota di oggi.

Questa situazione, secondo alcuni esperti, rischia di riflettersi sull’andamento del mercato azionario.

“Pensiamo che le azioni globali faranno un passo indietro da qui a fine anno. Ciò è legato alla nostra opinione secondo cui la crescita economica globale rallenterà ulteriormente e, di conseguenza, gli utili deluderanno ”, ha spiegato qualche giorno fa alla CNBC, Hubert de Barochez, economista di mercato presso la società di consulenza di ricerca Capital Economics. Che per la seconda metà suggerisce di puntare sull’azionario del Vecchio Continente, che ha già scontato le maggior parte delle notizie negative. Un’attività economica più lenta si traduce in un minor potere di acquisto e, di conseguenza, in un ambiente più difficile per alcune società. “Ci aspettiamo che questo sia particolarmente vero negli Stati Uniti”, ha detto Barochez.

Tra le ragioni per cui le azioni europee supereranno quelle degli Stati Uniti, l’indebolimento atteso dell’euro, destinato a scendere ulteriormente rispetto al dollaro. Un trend che spingerà in alto le esportazioni, favorendo l’attività economica nella zona euro.