Amazon evita multe multimiliardarie dopo l’accordo con l’Ue

di Gianmarco Carriol
20 Dicembre 2022 17:50

Nella giornata di oggi Amazon ha accettato di apportare alcune modifiche significative alla sua attività in Europa a valle di un’accordo con l’antitrust, che era intenzionata a comminare una pesante multa al colosso dell’e-commerce. La Commissione europea, il braccio esecutivo dell’Ue, ha annunciato he Amazon ha assunto una serie di impegni per rispondere alle accuse di utilizzare i dati dei venditori indipendenti a suo vantaggio.

L’autorità di regolamentazione ha espresso preoccupazione per il doppio ruolo di Amazon, sia come marketplace che come concorrente dei commercianti che vendono sulla sua piattaforma. Nel novembre 2020, la Commissione ha inviato ad Amazon una comunicazione di addebiti per l’uso “sistematico” di dati commerciali non pubblici di venditori indipendenti a vantaggio della propria attività di vendita al dettaglio.

La Commissione ha inoltre avviato una seconda indagine in merito alle affermazioni secondo cui i criteri stabiliti da Amazon per la selezione dei venditori in evidenza e per consentire loro di offrire prodotti agli utenti del suo programma Prime sono falsati, poiché hanno un trattamento preferenziale le attività di vendita al dettaglio di Amazon o i venditori che utilizzano i suoi servizi di consegna.

Amazon ha assicurato all’Ue che avrebbe cambiato alcune di queste pratiche. Uno degli impegni è stato quello di non utilizzare più dati non pubblici su venditori indipendenti per la sua attività di vendita al dettaglio o per la vendita di prodotti di marca e a marchio privato. L’azienda ha inoltre accettato di visualizzare un secondo riquadro di acquisto in presenza di una seconda offerta diversa dalla prima per quanto riguarda il prezzo o la consegna e di consentire ai venditori Prime di scegliere qualsiasi vettore per i loro servizi logistici o di consegna.

Le modifiche si applicano solo allo spazio economico europeo. In Italia, Amazon ha concordato con l’autorità di regolamentazione della concorrenza del Paese rimedi legali separati relativi al buy box e a Prime. Amazon avrà tempo fino a giugno 2023 per attuare le modifiche. Ha dichiarato Margrethe Vestager, responsabile della concorrenza dell’Ue:

“La decisione di oggi stabilisce le regole che Amazon dovrà rispettare in futuro, invece di stabilire queste regole per tutti gli operatori della sua piattaforma. Con queste nuove regole, i rivenditori indipendenti concorrenti, i vettori e i clienti europei avranno maggiori opportunità e possibilità di scelta”.

Se l’azienda fosse stata giudicata colpevole, avrebbe rischiato una multa fino al 10% del suo fatturato annuale globale. Per Amazon, un’azienda che ha realizzato 469,81 miliardi di dollari di ricavi nel 2021, ciò avrebbe potuto significare una sanzione record di 47 miliardi di dollari.

Tuttavia, l’Ue può ancora imporre ad Amazon una multa pari al 10% del suo fatturato annuo totale in caso di violazione degli impegni, oppure una sanzione periodica pari al 5% del fatturato giornaliero per ogni giorno di non conformità.

Amazon ha dichiarato in un comunicato di essere “lieta di aver affrontato le preoccupazioni della Commissione europea e di aver risolto questi problemi”.

Lo sviluppo segna una sottile vittoria per l’Ue, che con il suo Digital Markets Act sta apportando importanti cambiamenti ai modelli di business dei giganti tecnologici americani. La legislazione, entrata in vigore il mese scorso, mira a impedire alle cosiddette aziende “gatekeeper” di abusare della loro posizione di mercato per danneggiare i rivali più piccoli.