Amazon: al lavoro con Goldman Sachs per offrire prestiti alle pmi

4 Febbraio 2020, di Mariangela Tessa

Goldman Sachs cerca di ampliare il proprio raggio d’azione, guardando al settore tecnologico. Dopo la carta di credito con Apple, il colosso bancario Usa, secondo quanto riporta un articolo del Financial Times, citando due fonti a conoscenza della questione, starebbe sviluppando una tecnologia in grado di fornire prestiti attraverso attraverso la piattaforma di Amazon in grado di raggiungere migliaia di aziende che vendono attraverso il colosso dell’e-commerce.

In base alle indiscrezioni, per ora non confermate dai due gruppi, il progetto potrebbe diventare operativo già da marzo.

Il colosso dell’e-commerce, che da vari anni fornisce finanziamenti alle Pmi che vendono prodotti sul sito, a fine 2019 ha messo a bilancio prestiti alle piccole imprese per oltre 863 milioni di dollari.

Goldman Sachs e Apple hanno lanciato a marzo una carta di credito virtuale per aiutare a sviluppare il business consumer dell’istituto, che include Marcus, la sua banca online. Il marchio Marcus è stato lanciato nel 2015 per compensare i risultati volatili di business come il trading e l’investment banking.

Durante l’investor day di Goldman della scorsa settimana, l’amministratore delegato di Goldman, David Solomon ha promesso un incremento dei ritorni per gli azionisti anche grazie a un aumento dei ricavi tramite nuove iniziative nel consumer banking e nella gestione patrimoniale.

Solomon ha inoltre aggiunto che Marcus sta cercando di sottrarre il business a istituti di credito più piccoli che potrebbero avere meno risorse da investire nel miglioramento dell’offerta di servizi digitali.

Big hi-tech e banche vanno sempre più a braccetto

Le discussioni tra Goldman Sachs e Amazon rappresentano un altro segnale evidente sulla nuova direzione che i giganti della tecnologia degli Stati Uniti stanno cercando di dare al loro business attraverso i servizi finanziari, ma senza gli ingenti investimenti per diventare una banca regolamentata.

In particolare, Goldman Sachs è entrata nel settore consumer solo pochi anni fa e non ha filiali bancarie. Lavorare con colossi del calibro di Amazon e Apple è un modo incrementare il proprio portafoglio prestiti e raggiungere un maggior numero di consumatori e aziende, aiutando nel contempo le grandi aziende tecnologiche come Amazon a offrire finanziamenti sulle proprie piattaforme