Air Italy annuncia il licenziamento collettivo per i 1450 dipendenti

14 Febbraio 2020, di Alberto Battaglia

La liquidazione di Air Italy, annunciata a sorpresa martedì, rischia di prendere l’esito più difficile per i suoi circa 1.450 lavoratori: la società, infatti, ha comunicato in una nota che scatterà il licenziamento collettivo per tutti i dipendenti. Le lettere di licenziamento partiranno nei prossimi giorni.

“Questa mattina si è svolto un primo confronto, in conferenza telefonica, tra i liquidatori incaricati e i dipendenti di Air Italy, basati a Malpensa e a Olbia. I liquidatori hanno illustrato ai dipendenti la possibile evoluzione della procedura di liquidazione, confermando l’intenzione di adottare tutte le misure possibili di sostegno al reddito, compatibili a norma di legge con la procedura di liquidazione stessa”, ha comunicato la società in una nota. “Verranno prese in considerazione tutte le possibilità di cessione di rami d’azienda, che comprendano il possibile mantenimento di tutti o di parte dei posti di lavoro“. Air Italy, dunque, non è nella posizione di offrire alcuna garanzia o certezza per i suoi lavoratori.

La posta in gioco per la Sardegna

L’effetto occupazionale potrebbe essere particolarmente severo in Sardegna, ove lavorano 550 dipendenti. Non è un caso, dunque, che la giunta della Regione si sia attivata per prendere in considerazione un intervento diretto mediante soldi pubblici. Si tratta di ipotesi che stanno prendendo sempre più corpo: a farsi carico dell’investimento nell’azienda tramite l’acquisizione delle quote Air Italy sarebbe Sfirs, Spa di riferimento per le operazioni finanziarie della Regione. La proposta non ha avuto sinora un sostegno bipartisan in consiglio regionale, con l’opposizione della lista progressista rappresentata dal capogruppo Francesco Agus (“sono fermamente contrario a ogni ingresso in della Regione nel pacchetto azionario di compagnie aeree”, ha scritto sul suo profilo Facebook).

Il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, incontrerà a breve Akbar Al Baker, Ceo di Qatar Airways, che è attualmente l’azionista di riferimento dell’ex Meridiana con il 51% della società.

La reazione del ministero dei Trasporti

In giornata il Ministero dei Trasporti ha comunicato la convocazione “dei Sindacati, della regione Sardegna e della regione Lombardia sulla vicenda Air Italy” per giovedì prossimo.

“La Ministra, nella giornata di oggi, ha inoltre scritto ai liquidatori per formalizzare l’urgente richiesta di cambio della procedura, dal momento che la liquidazione danneggia pesantemente i lavoratori e la possibilità di garantire il trasporto aereo sulla Sardegna. Sempre per la prossima settimana sono in fase di preparazione incontri con la proprietà”.