Derivati Mps, imputazione coatta per ex dirigenti Profumo e Viola

21 aprile 2017, di Daniele Chicca

Salta l’archiviazione per gli ex dirigenti di Mps: il gip ha infatti disposto l’imputazione coatta per gli ex vertici della banca in crisi Alessandro Profumo e Fabrizio Viola. Per l’ex presidente ed AD della banca verrà formulata la richiesta di rinvio a giudizio dopo che il gip del tribunale di Milano ha respinto la richiesta di archiviazione formulata dalla procura a settembre.

L’indagine su alcune presunte operazioni finanziarie irregolari che vede coinvolti Viola, ora numero uno di Banco popolare di Vicenza, e Profumo, è una tranche dell’inchiesta su una possibile contabilizzazione scorretta dei derivati Santorini e Alexandria, attività strutturate la prima con Deutsche Bank e la seconda con Nomura. Le posizioni di altre sette indagati, tra cui gli ex vertici Giuseppe Mussari e Antonio Vigni, sono state invece archiviate.

Hai dimenticato la password?