Gli over 40 non dovrebbero lavorare più di 3 giorni a settimana

19 luglio 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – Per gli over 40, lavorare piu’ di  25 ore alla settimana e’ rischioso. E’ quanto afferma una ricerca del “Melbourne Institute of Applied Economic and Social Research” in Australia da cui emerge che stress insieme a fatica psicologica e fisica, possono compromettere le funzioni cognitive.

La condizione ottimale – a sentire gli esperti dell’istituto australiano –  sarebbe lavorare 25 ore a settimana, in pratica non piu’ di tre giorni alla settimana. Perché lavorare meno potrebbe essere altrettanto dannoso. E’ importante mantenere il cervello attivo e fornirgli stimoli.

Per sostenere che lavorare meno ore è benefico sia per le persone che per le aziende, i ricercatori dell’Università di Melbourne (Australia) hanno coinvolto 3.000 uomini e 3.500 donne, che sono stati sottoposti a test di performance cognitive.

I risultati dei test sono poi stati confrontati con le abitudini lavorative dei partecipanti. I risultati, pubblicati sul Melbourne Institute Worker Paper series, mostrano che le persone che lavorano 25 ore a settimana avevano ottenuto migliori risultati nei test, a differenza di coloro che lavoravano 55 ore a settimana. Questi ultimi, hanno ottenuto risultati peggiori persino di pensionati e disoccupati.

Secondo gli autori dello studio lavorare può essere dunque “un’arma a doppio taglio”, in quanto può stimolare l’attività cerebrale, ma allo stesso tempo lunghe ore di lavoro possono causare stanchezza e stress.

Senza contare che i 40 sono i cosiddetti anni “sandwich”, dove ogni adulto deve pensare a badare a qualche genitore o figlio e a lavorare contemporaneamente. In pratica un lavoro dopo un altro, quasi sempre senza pausa.

Hai dimenticato la password?