Fmi bacchetta l’Italia: pensioni troppo alte, via la quattordicesima

20 marzo 2018, di Mariangela Tessa

La spesa pensionistica italiana è e sarà anche nei prossimi anni troppo elevata nonostante l’entrata in vigore della riforma Fornero: pari al 16% del Pil, è la seconda più alta dopo quella della Grecia.

È quanto si legge in un ‘working paper’ del Fmi curato dagli economisti Michael Andrle, Shafik Hebous, Alvar Kangur e Mehdi Raissi dal titolo ‘Italy: toward a growth-friendly fiscal reform’.  

Lo studio sottolinea che, al momento, esistono diverse aree nel sistema previdenziale in cui l’Italia può agire per ridurre la spesa e, quindi, risparmiare. Una delle ipotesi avanzate è quella di eliminare la quattordicesima e ridurre la tredicesima, che potrebbero essere rimpiazzate da interventi anti povertà.

“C’è spazio per migliorare il mix di spesa per renderla più inclusiva e di sostegno alla crescita. L’aumento della spesa sociale (soprattutto pensionistica) ha spiazzato la spesa in altri ambiti come istruzione e in conto capitale” sottolineano gli economisti, chiedendo di privilegiare in campo sociale interventi non-pensionistici.

Un altro intervento possibile – continua il rapporto – potrebbe riguardare le pensioni di reversibilità: quelle italiane, con un livello del 2,75% del Pil, sono le più alte in Europa. Gli economisti chiedono di fissare un’età minima perchè il coniuge vedovo ne benefici e di eliminare la possibilità che ne beneficino altri familiari.

Un ultimo capitolo è infine dedicato ai contributi previdenziali. Su questo fronte  – stando agli esperti del Fondo monetario internazionale – regna un’evidente disparità tra quelli dei lavoratori dipendenti (al 33% del salario) e quelli degli autonomi. Il suggerimento è di alzare ad almeno il 27% dall’attuale 24% l’aliquota di questi ultimi.

 

Hai dimenticato la password?