“Boom Bitcoin ha giorni contati, resterà solo la tecnologia”

10 ottobre 2017, di Mariangela Tessa

Il boom del Bitcoin ha i giorni contati. Ne è convinto l’economista di Harvard Kenneth Rogoff secondo il quale i prezzi della moneta digitale “crolleranno” sotto il peso della crescente pressione regolamentatrice da parte dei governi.

“La mia migliore ipotesi al momento è che nel lungo periodo la tecnologia sottostante crescerà, ma le quotazioni subiranno un collasso”, ha detto Rogoff in un articolo per The Guardian e Project Syndicate.

Da inizio anno, il prezzo del Bitcoin è salito del 365 per cento, superando anche il livello di 4.905 dollari, il 2 settembre. Sui mercati oggi le quotazioni hanno subito una sorta di flash crash dopo che la Russia ha proposto di mettere al bando le piattaforme di scambio di Bitcoin.

La moneta digitale e le sue principali concorrenti operano su piattaforme crittografate chiamate blockchains in cui le transazioni sono anonime e non sono gestite da un’autorità centrale e quindi fuori dal controllo delle banche centrali.

Rogoff è convinto che, in futuro, gli sforzi dei governi per frenare le valute virtuali potrebbero eventualmente contribuire a diminuire l’interesse speculativo in questo asset.

“La storia ci insegna che se il settore privato innova, lo Stato a sua crea le regole e approva”, ha detto l’economista, aggiungendo che: “Non ho idea di dove il prezzo di Bitcoin andrà nei prossimi anni, ma non è da escludere che la valuta virtuale eviti un destino simile”.

La moneta digitale ha toccato il massimo dal 2 settembre di 4.867 dollari lunedì, secondo i dati del sito CoinDesk. Ma lo stesso indice mostra come i prezzi siano calati di oltre 600 dollari (-12%) ai minimi di settimana di 4.200 dollari alle 10 ora italiana. Si tratta di un flash crash misterioso, in quanto rilevato solo da CoinDesk, il cui indice si basa sulla media di prezzo di quattro piattaforme di trading: Bitstamp, Coinbase, itBit e OKCoin. In dieci minuti i prezzi sono tornati a scambiare in area $4.787.

Il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito che le criptovalute rischiano di essere usate per riciclaggio di denaro sporco, per favorire l’evasione fiscale e per finanziare i gruppi terroristi.

Flash crash misterioso del Bitcoin dopo che la Russia ha proposto di mettere al bando piattaforme di scambio

Hai dimenticato la password?