WALL STREET: SEDUTA A META’ TRA BUY E SELL

10 Novembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Seduta volatile per la borsa americana, con gli indici che hanno trattato tra lettera e denaro per l’intero arco della seduta, per poi chiudere contrastati. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0.20% a 10246, l’S&P500 ha perso lo 0.01% a 1093, il Nasdaq ha ceduto lo 0.14% a 2151.

Il lieve recupero del dollaro dopo il tonfo della vigilia ha impedito alle materie prime di avanzare, inficiando la performance delle societa’ energetiche e minerarie. Il biglietto verde ha guadagnato terreno nei confronti dell’euro, portando il cambio a 1.497.

Per contro il greggio ha ceduto 38 centesimi a $79.05 al barile, mentre l’oro e’ rimasto pressocche’ stabile, poco sopra i $1100 l’oncia. A spingere al ribasso le quotazioni del petrolio e’ stato anche il ridotto rischio che la tempesta tropicale Ida raggiungesse le coste del Golfo del Messico dove sono dislocate numerose piattaforme petrolifere.

Non correre il rischio di perdere il rialzo di Wall Street. Guadagna con INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa meno di un caffe’, solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

In assenza di news economiche di rilievo, maggiore attenzione e’ stata riposta dagli investitori sugli sviluppi societari. Il colosso aerospaziale Boeing e’ risultato il peggior componente del Dow Jones, seguito da Cisco Systems e Du Pont. Bene invece American Express e Bank of America, quest’ultima avanzata grazie alle rassicurazioni offerte dal CEO Ken Lewis sul processo di integrazione con Merrill Lynch.

Tra gli altri titoli sotto i riflettori, la societa’ finanziaria MBIA ha registrato un tonfo di oltre il 25% nonostante la riduzione delle perdite fiscali, ancora elevate purtroppo nel business assicurativo. Per l’azienda si e’ trattato del quinto trimestre in rosso negli ultimi due anni. Nel settore Internet, in rally la societa’ di viaggi online Priceline.com forte dei profitti quasi quadruplicati rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il sentiment sul mercato appare piu’ ottimista. Dopo aver toccato un massimo di 31.59 lo scorso 30 ottobre, l’indice della volatilita’ VIX e’ sceso a quota 23.39. “E’ come se il mercato sia pronto per un altro allungo e gli investitori non abbiano intenzione di perdersi un’altra opportunita’ di guadagno” hanno commentato alcuni analisti sul floor del NYSE.