Wall Street punisce i retail nel giorno del Cyber Monday

29 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Seduta difficile per il settore retail a Wall Street, che penalizza i titoli del comparto, dopo i risultati in chiaroscuro delle vendite nel week-end del Rigraziamento. Si tratta di un test importante per le grandi catene del commercio al dettaglio, che hanno visto crescere le vendite di appena uno 0,3% nel giorno del Black Friday, ma la National Retail Federation ha annunciato che nel corso dle week-end più acquirenti hanno visitato i negozi delle grandi catene (+6,4%), spendendo un importo medio maggiore, per complessivi 45 mld di dollari. Una sorta di bicchiere mezzo e pieno o mezzo vuoto, che non sembra rassicurare gli investitori americani, ansiosi di conoscere i risultati dell’andamento degli acquisti natalizi. Intanto, l’indice JD US retail segna un calo dlelo0,8%, scontando la performance negativa di big del settore come JC Penney -1,08% e Macy’s -2,15%. Meglio fa Wal-Mart che lima appena uno 0,3%, dopo aver annunciato la’cquisto del controllo della sudafricana Massmart. Fra gli altri players si segnalano le consistenti perdite di Dollar Tree -2,8% e Ross Stores -2,5%, mentre Target perde l’1,3%, Limited Brands l’1,3% ed Aeropostale lo 0,5%. Bene Abercrombie & Fitch che sale dell’1,3%. E oggi è il cosidetto Cyber Monday, quando gli Americani tornano in ufficio dopo la festività, inaugurando la stagione degli acquisti natalizi on-line. In questo giorno festeggia Amazon.com che vanta un progresso dello 0,89%.