WALL STREET PROCEDE CON PASSO FELPATO

5 Ottobre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Gli indici americani hanno inziato la seduta contrastati e vicino alla parita’, con gli operatori improntati alla cautela dopo il rally di ieri e l’aumento dei prezzi energetici. Il Dow Jones cede lo 0.05% a 11848, l’S&P500 e’ invariato a 1350, il Nasdaq avanza dello 0.10% a 2295.

A dettare prudenza e’ anche l’attesa per l’importante aggiornamento di domani sul mercato del lavoro, per cui si prevede la creazione di 125 mila nuovi posti nell’ultimo mese. Il calendario odierno non presenta appuntamenti di rilievo. Nel preborsa e’ stato comunicato il dato sulle richieste di sussidio da parte dei senza lavoro, risultato in calo di 17 mila unita’ a 302 mila, attestandosi ad un livello migliore da quello atteso.

Il rimbalzo del greggio, che ha riconquistato la soglia dei $60 al barile, costituisce anch’esso un elemento di preoccupazione. Nelle contrattazioni elettroniche i futures con scadenza novembre sono in progresso di $1.34 a $60.75, sulla possibile convocazione di un meeting di emergenza da parte dell’OPEC per discutere un eventuale taglio della produzione giornaliera.

Sul fronte societario, buone notizie sono giunte dal comparto retail. Delle 44 societa’ che hanno comunicato i dati sulle vendite comparate di settembre, ben 32 hanno battuto le stime del mercato. In evidenza Target [[(TGT)]],Federated Dept Store [[(FD)]],Saks [[(SKS)]], Kohls [[(KSS)]], Limited Brands [[(LTD)]], Nordstrom [[(JWN)]] e American Eagle Outfitters [[(AEOS)]]. A costituire un’eccezione e’ stato proprio il leader del settore Wal-Mart [[(WMT)]], con un rialzo delle vendite dell’1.3% contro il 2.1% atteso.

Bene la catena di caffe’ americani Starbucks [[(SBUX)]] che aveva avviato il trend positivo gia’ nell’after hours di mercoledi’, spingendo il titolo in rialzo di oltre cinque punti percentuali.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario, in calo l’euro a 1.2695 contro il dollaro. L’oro e’ in buon progresso (+$11.80) a $578.50 l’oncia. In lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.5780%.