Wall Street in calo, pesano i timori d’inflazione

31 Maggio 2022, di Gianmarco Carriol

A Wall Street le azioni Usa sono scese oggi mentre l’impennata dei prezzi del petrolio ei commenti aggressivi di un funzionario della Federal Reserve hanno spaventato gli investitori, con l’attenzione rivolta ai colloqui tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente della Fed Jerome Powell nel corso della giornata.

Dieci degli 11 principali settori dell’S&P 500 sono diminuiti negli scambi mattutini. Solo l’energia ha sovraperformato con un aumento dell’1,1% poiché il greggio Brent è salito sopra i $120 al barile dopo che l’Unione Europea ha accettato un divieto parziale del petrolio russo.

Wall Street, i motivi della debolezza

Su Wall Street pesano le attese per i prossimi rialzi dei tassi di interesse. Il governatore della Fed Christopher Waller ha affermato lunedì che la banca centrale statunitense dovrebbe essere pronta ad aumentare i tassi di interesse di mezzo punto percentuale ad ogni riunione da ora in poi fino a quando l’inflazione non sarà decisamente frenata.

I commenti di Waller hanno innescato un’ondata di vendite nei mercati obbligazionari, con il rendimento del Tesoro USA a 10 anni di riferimento che è salito al massimo di una settimana, poiché i trader hanno ridimensionato le aspettative secondo cui la Fed potrebbe fermarsi per riprendere fiato dopo i rialzi di giugno e luglio.

“Non abbiamo ancora visto un vero picco dell’inflazione”, ha affermato Max Kettner, capo stratega multi-asset di HSBC. “Negli Stati Uniti è tecnicamente un picco, ma riguarda molto di più la composizione dell’inflazione nei prossimi mesi”.

Biden ha affermato che la Fed ha la responsabilità primaria di controllare l’inflazione e ha promesso di non cercare di “influenzare le sue decisioni in modo inappropriato” prima di un incontro con il capo della banca centrale.

La scorsa settimana, tutti e tre i principali indici statunitensi hanno registrato la loro serie di perdite settimanali più lunga degli ultimi decenni, poiché i segni di un picco dell’inflazione e della resilienza dei consumatori hanno riportato gli acquirenti sul mercato.

Tuttavia, erano sulla buona strada per diminuire per il secondo mese consecutivo, con il Nasdaq in calo del 2,8%, poiché i titoli ad alta crescita tendono a sottoperformare quando i tassi di interesse aumentano.

“Il sentimento era diventato molto negativo, e questo era alla base del rally dell’ultima settimana e mezzo … Da una prospettiva fondamentale, ci sono troppi venti contrari”, ha detto Kettner.

I dati hanno mostrato che la fiducia dei consumatori statunitensi è scesa a maggio a causa dei persistenti timori per l’elevata inflazione.

L’indice di volatilità CBOE, detto anche indice della paura, ha registrato una serie di perdite per tre giorni consecutivi e al momento poggia sul livello a 27,20.