WALL STREET: HIGH TECH SEMPRE PRIMADONNA

14 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

La seduta e’ partita in positivo sui listini americani, ma a dominare la scena e’ ancora il Nasdaq, che riconquista quota 4.200 punti sostenuto dalla buona performance trimestrale delle principali societa’ del comparto tecnologico.

(verifica quotazioni indici aggiornate IN TEMPO REALE in prima pagina)

L’indice Dow Jones mostra segni di debolezza e dopo un tentativo di rialzo iniziale, oscilla attorno alla soglia di parita’.

I dati economici diffusi subito prima dell’apertura dei mercati hanno fornito nel complesso un quadro rassicurante: l’inflazione sembra essere dormiente e la Federal Reserve non dovrebbe avere motivo di aumentare i tassi d’interesse a breve (attualmente al 6,50%) durante la prossima riunione del 22 agosto.

Questi i numeri dell’economia Usa nel mese di giugno:

Indice dei prezzi alla produzione +0,60%

Produzione industriale +0,20%

Vendite al dettaglio +0,50%

La locomotiva americana continua a correre, ma osservando l’Indice dei prezzi alla produzione depurato dalle componenti piu’ volatili, il settore alimentare e quello dell’energia, si osserva una flessione dello 0,1%.

Il grande macchinista, Alan Greenspan, presidente della Fed, sembra avere la situazione sotto controllo: la cura da cavallo di sei strette sul costo del denaro negli ultimi 12 mesi ha fatto effetto.