Wall Street crolla per il terzo giorno di fila. Cosa sta succedendo

30 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

Le azioni di Wall Street sono scese oggi per il terzo giorno consecutivo. Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,82%, l’S&P 500 è calato dello 0,92% e il Nasdaq Composite è diminuito dell’1,07 %.

L’indice CBOE Volatility, noto anche come indicatore della paura di Wall Street, è salito per la terza sessione consecutiva ed è stato scambiato l’ultima volta a 26,41 punti.

Nel frattempo, i dati hanno mostrato che le nuove offerte di lavoro negli Stati Uniti sono salite a 11,239 milioni a luglio.

Tutti gli occhi sono ora puntati sui dati sui salari (esclusi quelli del settore agricolo), in uscita venerdì. “I mercati sono così concentrati sulla Fed che un numero di posti di lavoro troppo forte venerdì probabilmente spaventerà alcune persone”, ha affermato Jeff Buchbinder, chief equity strategist di LPL Financial.

Il calo è arrivato dopo che il policy maker della Bce, oltre che governatore della banca centrale estone Madis Muller, ha affermato che la banca centrale dovrebbe discutere un aumento del tasso di 75 punti base a settembre, data l’inflazione eccezionalmente elevata.

Martedì i prezzi dell’energia sono diminuiti, con i future del West Texas Intermediate (Wti), il benchmark petrolifero statunitense, in calo di oltre il 4,3%. Anche i future sul gas naturale sono scesi.

Il mercato ha lasciato sul terreno alcuni dei suoi guadagni estivi dopo che i recenti commenti dei funzionari della Federal Reserve hanno chiarito che la banca centrale mira a continuare i suoi aumenti dei tassi, anche se causeranno difficoltà economiche. “Gli investitori stanno venendo a patti con l’idea che la Fed sia seriamente intenzionata a frenare l’inflazione, anche se i dati recenti suggeriscono che l’inflazione stia iniziando a diminuire”, ha affermato Rod von Lipsey, amministratore delegato di UBS Private Wealth Management. “Riteniamo che il rally estivo del mercato sia stato effimero e continuiamo a raccomandare che gli investitori rimangano selettivi e si concentrino su settori azionari difensivi come l’assistenza sanitaria e i titoli che pagano dividendi”, ha aggiunto von Lipsey.

Le compagnie petrolifere guidano i ribassi di Wall Street

Oggi le compagnie petrolifere hanno trascinato l’S&P 500, alimentate dal calo dei prezzi dell’energia.

Le azioni di Halliburton, Diamondback Energy e Marathon Oil sono state le prime in calo nell’ampio indice di mercato. Halliburton è scivolata di oltre il 5%, mentre Diamondback e Marathon hanno perso più del 4% ciascuna. Le azioni Chevron sono scese di oltre il 2%, rendendola la prima classificata in calo nel Dow Jones Industrial Average.

Anche i prezzi del petrolio sono crollati. I future sul greggio Brent sono scesi di circa il 5%, scendendo sotto i 100 dollari al barile. I future sul greggio West Texas Intermediate con consegna a ottobre sono crollati di oltre il 4% a 92,54 dollari al barile.

L’indice di fiducia dei consumatori supera le aspettative per agosto

L’indice di fiducia dei consumatori del conference board si è attestato a 103,2 per agosto, in rialzo rispetto a un valore di luglio di 95,3 e al di sopra di una stima di 97,4. Ha anche segnato il primo guadagno dell’indice dopo essere sceso per tre mesi consecutivi.

“L’indice della situazione attuale ha registrato un guadagno per la prima volta da marzo. Anche l’indice delle aspettative è migliorato rispetto al minimo di 9 anni di luglio, ma rimane al di sotto di una lettura di 80, suggerendo che i rischi di recessione continuano. Le preoccupazioni per l’inflazione si stanno ridimensionando, ma restano alte”, ha affermato Lynn Franco, senior director of economic indicators presso The Conference Board.