WALL STREET CHIUDE SEDUTA BREVE MA BRILLANTE

3 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Nonostante una partenza incerta e il volume di scambi piu’ che dimezzato, le borse Usa sono arrivate al finale con tutti i principali indici in rialzo. Guadagni accentuati sulle Blue Chip e sulle societa’ a bassa capitalizzazione.

Il Nasdaq ha chiuso a 3.991,39 (+0,64%), il Dow Jones ha chiuso a 10.560,67 (+1,08%), l’S&P 500 a 1.469,27 (+1,01%) e il Russell 2000 a 524,03 (+1,31%).

Ad accendere l’indice Dow Jones, soprattutto i titoli finanziari, quelli tradizionalmente piu’ legati alle variazioni del costo del denaro.

La crescita dell’indice Napm (responsabili acquisti aziende Usa) e’ infatti caduto in giugno a quota 51,8 contro il 53,2 di maggio, il livello piu’ basso dall’inizio dell’anno, a indicare che le strette sui tassi operate dalla Fed sono riuscite a frenare il passo di crescita dell’economia.

La banca centrale potrebbe dunque soprassedere a nuove strette nella prossima riunione che decidera’ le scelte di politica monetaria.

Il settore high-tech e’ stato funestato dai deludenti risultati di alcune importanti aziende nel secondo trimestre ma le piu’ dinamiche societa’ a bassa capitalizzazione non hanno risentito degli acciacchi dei grandi consentendo all’indice Nasdaq di chiudere in modesto rialzo e al Russell 2000, l’indice delle small caps, di guadagnare circa l’1,3%.

Sui listini sono in rialzo il settore dei materiali per l’edilizia, bancario, automobilistico, acciaio, trasporti, telefonia e petrolifero.

Perdono il settore della grande distribuzione, cosmesi, infrastrutture per l’ufficio, elettrico, difesa, prodotti medici e farmaceutico.

Tra i principali titoli in movimento quest’oggi sulle borse americane:

Nel settore dei software, Oracle (ORCL) ha perso piu’ del 5,5% sulla notizia delle dimissioni del numero due della societa’, Ray Lane.(vedi articolo WSI del 1 luglio 2000 alle 10:08 e del 3 luglio 2000 alle 10:37)

Nel settore della telefonia, Bell Atlantic (BEL) e GTE (GTE) hanno annunciato la conclusione della fusione per venerdi’ prossimo. La nuova societa’ prendera’ il nome di Verizon Communications. Il titolo Bell Atlantic ha perso quasi l’ 1,5%, mentre GTE ha guadagnato poco meno dello 0,5%.(vedi articolo WSI del 1 luglio 2000 alle 10:41)

Nel settore delle telecomunicazioni, Deutsche Telekom (DT) sembra intenzionata a proseguire nell’operazione di fusione con l’americana Sprint (FON). Il titolo Deutsche Telekom ha perso l’ 1,5%, mentre Sprint ha guadagnato poco piu’ del 6%.(vedi articolo WSI delle 05:35)

Nel settore del noleggio auto, il gruppo Avis (AVI) e la francese Bnp Paribas hanno siglato un accordo per il noleggio di auto in Europa e in Nord America. Il titolo Avis ha guadagnato circa il 2%.(vedi articolo WSI delle 08:45)

Nel settore Internet, Rasorfish Inc (RAZF), una delle principali societa’ di consulenza Internet, e’ stata costretta a interrompere i rapporti con la societa’ di revisione dei conti PricewaterhouseCoopers dopo un’indagine della Securities and Exchange Commission, l’organo di controllo delle borse Usa. Il titolo ha perso oggi lo 0,5%.(vedi articolo WSI delle 11:03)

Nel settore aerospaziale, Boeing Co. (BA) ha annunciato l’intenzione a vendere la divisione di componentistica per migliorare i profitti e il flusso di cassa. Il titolo ha chiuso le contrattazioni praticamente invariato.(vedi articolo WSI delle 11:25)

Nel settore farmaceutico, il governo cinese ha approvato la vendita del Viagra, il farmaco anti-impotenza prodotto da Pfizer (PFE). La pillola blu fara’ la comparsa sugli scaffali delle farmacie cinesi con il nome ‘Wan Ai Ke’. Alla chiusura delle contrattazioni, il titolo Pfizer ha perso l’ 1,5%.(vedi articolo WSI delle 11:38)

Nel settore degli elettrodomestici, Sunbeam (SOC) ha segnato una perdita di quasi il 2%. La societa’ dovrebbe annunciare gli utili trimestrali oggi alla chiusura dei mercati. Le stime degli analisti prevedono un utile di 28 centesimi per azione.

Nel settore dei database, Informix (IFMX) ha perso piu’ del 37% dopo che la societa’ ha fatto sapere che gli utili del secondo trimestre sono destinati a scendere sotto le aspettative degli analisti. La societa’ dovrebbe chiudere il trimestre con un utile netto tra $0,1 e $0,3 per azione.
Nel settore dei semiconduttori, ASM Lithography (ASML) ha perso il 3,5% dopo che la banca d’affari Lehman Brothers ne ha diminuito le stime sugli utili trimestrali.

Ecco di seguito le lista dei 10 titoli al New York Stock Exhange (dati di chiusura) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(CNC) Conseco, Inc. 12,136,200 11.125 +1.375 +14.10%;

(NOK) Nokia Corporation 6,945,200 52.000 +1.500 +2.97%;

(CPQ) Compaq Computer Corporation 6,643,500 25.188 -0.375 -1.47%;

(Q) Qwest Communications International Inc. 6,562,200 51.250 +1.250 +2.50%;

(T) AT&T Corp. 6,257,300 32.188 +0.375 +1.18%;

(GE) General Electric Company 5,836,400 51.438 -1.563 -2.95%;

(PFE) Pfizer Inc 5,040,200 47.375 -0.625 -1.30%;

(AOL) America Online, Inc. 5,021,200 53.313 +0.438 +0.83%;

(MOT) Motorola, Inc. 4,878,100 29.750 -0.563 -1.86%;

(NT) Nortel Networks Corporation 4,596,800 71.563 +3.344 +4.90%.

Ecco di seguito le lista dei 10 titoli al Nasdaq (dati di chiusura) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(IFMX) Informix Corporation 26,733,000 4.656 -2.781 -37.40%;

(ORCL) Oracle Corporation 18,968,600 79.688 -4.375 -5.20%;

(CSCO) Cisco Systems, Inc. 12,771,300 64.625 +1.063 +1.67%;

(JDSU) JDS Uniphase Corporation 8,694,100 126.344 +6.469 +5.40%;

(BRCM) Broadcom Corporation 9,099,600 221.625 +2.688 +1.23%;

(ISLD) Digital Island, Inc. 6,877,000 56.375 +7.750 +15.94%;

(MSFT) Microsoft Corporation 6,331,500 79.875 -0.125 -0.16%;

(INTC) Intel Corporation 5,818,800 136.000 +2.313 +1.73%;

(WCOM) WorldCom, Inc. 5,408,500 45.563 -0.313 -0.68%;

(DELL) Dell Computer Corporation 4,933,200 48.969 -0.344 -0.70%.

Dopo la chiusura anticipata di oggi, i mercati finanziari americani osserveranno domani un giorno di riposo in occasione dell’Independence Day. L’appuntamento con Wall Street e’ dunque a mercoledi’ prossimo.