WALL STREET CHIUDE MISTA
E ATTENDE VERDETTO

11 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Alla chiusura delle contrattazioni a New York, l’indice Dow Jones e’ riuscito a strappare un rialzo mentre il tabellone elettronico del Nasdaq ha visto polverizzare i guadagni della mattinata sotto raffiche di ordini di vendita.

Il Nasdaq ha chiuso a 3.956,38 (-0,60%), il Dow Jones ha chiuso a 10.727,19 (+0,76%), l’S&P 500 a 1.480,88 (+0,36%) e il Russell 2000 a 529,74 (-0,21%).

Gli investitori, dopo aver dato vita a un buon rally, hanno preferito puntare sui realizzi di profitto, in attesa dei risultati trimestrali di molte importanti societa’ che saranno pubblicati fra poco.

L’apertura dei mercati e’ stata segnata dall’intervento del presidente della Federal Reserve, Alan Greenspan, che ha incredibilmente rianimato i mercati.

Eppure il presidente della Fed non avrebbe potuto essere piu’ misurato nelle sue valutazioni; ai tassi d’interesse e al costo del denaro non ha fatto neppure cenno.

Greenspan ha parlato di aumento della produttivita’ e di ‘New Economy’, secondo una traccia ripetuta gia’ in numerose occasioni.

Piedi di piombo e stiamo a vedere se i benefici delle nuove tecnologie continueranno anche in una fase di rallentamento della crescita economica, ha detto in sostanza il presidente della Fed.

Quello che sembra aver entusiasmato i mercati, e’ stato il silenzio di Greenspan sugli squilibri che si vengono a creare quando il mercato del lavoro non riesce a tenere il passo con la crescita economica. Un altro dei cavalli di battaglia utilizzati solitamente da Greenspan per giustificare robuste strette sui tassi d’interesse.

L’avanzata delle Blue Chip si spiega, secondo molti operatori, non soltanto con il fatto che questi titoli sono tradizionalmente meno sensibili alle variazioni del costo del denaro, ma anche perche’ le possibilita’ di fare acquisti a prezzi di saldo sono assai migliori che nel settore tecnologico.

Il grande imputato alla sbarra e’ il primo portale mondiale di accesso alla Rete; Yahoo! ha bruciato nelle ultime settimane circa il 17% sulle perplessita’ che accompagnano il conto economico.

Gli analisti stimano che gli utili del secondo trimestre dovrebbero attestarsi a 10 centesimi di dollaro per azione, ma le voci che circolano negli ambienti finanziari parlano di 13 centesimi.

Sui listini sono in rialzo il settore petrolifero, grande distribuzione, semiconduttori, finanziario, biotecnologie, cartario, alluminio.

Perdono il settore delle telecomunicazioni, Internet, bevande analcoliche e alimentare.

Tra i principali titoli in movimento quest’oggi sulle borse americane:

Nel settore della telefonia, VoiceStream (VSTR) e’ in forte rialzo sulla notizia dell’offerta di acquisizione per $30 miliardi ricevuta dal colosso tedesco Deutsche Telekom (DT). Il titolo VoiceStream ha guadagnato piu’ del 12%, mentre Deutsche Telekom ha perso il 4%. (Vedi articolo WSI delle 2:51 e delle 8:59)

Nel settore dei software, Dell Computer (DELL) ha deciso di abbandonare la commercializzazione della linea WebPc, i personal computer a basso costo, dopo il totale insuccesso di vendita. Il titolo Dell ha guadagnato piu’ del 2%.(Vedi articolo WSI delle 8:35 e delle 13:30)

Nel settore alimentare, Bestfoods (BFO) ha chiuso le contrattazioni invariata. La societa’, che lo scorso 6 giugno ha siglato l’accordo di fusione con il colosso anglo-olandese Unilever (UN) per $24,3 miliardi, dovrebbe annunciare gli utili trimestrali oggi alla chiusura delle borse Usa. Gli analisti prevedono un utile di $0,68 per azione.(Vedi articolo WSI delle 8:45)

Nel settore farmaceutico, Biogen (BGEN) ha guadagnato quasi l’1%. Gli analisti prevedono che la societa’, che annuncera’ gli utili trimestrali al termine della seduta odierna, chiuda il trimestre con un utile pari a $0,42 per azione. (Vedi articolo WSI delle 8:45)

Nel settore motociclistico, Harley-Davidson (HDI) ha perso a fine giornata lo 0,75%. Gli utili dell’azienda, secondo le stime degli analisti, dovrebbero attestarsi a $0,27 per azione. Harley-Davidson dovrebbe annunciare i risultati trimestrali alla chiusura dei mercati.(Vedi articolo WSI delle 8:45)

Nel settore Internet, Yahoo! (YHOO), il piu’ popolare portale americano, ha perso quasi il 5%. Gli investitori rimangono in attesa dell’annuncio sugli utili trimestrali atteso alla chiusura dei mercati. Le aspettative degli analisti sono per un utile di $0,10 per azione.(Vedi articolo WSI delle 8:45 e delle 14:46)

Nel settore dell’abbigliamento, Abercrombie & Fitch (ANF) ha guadagnato il 6,5% dopo che USBancorp Piper ne ha aumentato il rating da “Buy” a “Strong Buy” sulla base delle buone performance della societa’ e le prospettive per il periodo estivo.(vedi articolo WSI delle 10:05)

Nel settore petrolifero, Halliburton (HAL) ha guadagnato poco meno dell’ 11% dopo che la banca d’affari DLJ ne ha migliorato il giudizio portandolo da “Market Performance” a “Buy” sulla base del recente ribasso del titolo e le prospettive per gli utili trimestrali.(vedi articolo WSI delle 10:05)

Nel settore della telefonia mobile, Ericsson (ERICY) ha perso il 4%. La banca d’affari Bear Stearns continua a essere convinta che i margini di profitto della societa’ sono destinati a scendere ulteriormente influenzandone i risultati trimestrali.

Nel settore dei software, Aspect Communications (ASPT) ha perso il 55% dopo che la societa’ ha annunciato che gli utili trimestrali scenderanno al di sotto delle aspettative a causa di un ritardo nell’esecuzione di un contratto con il governo federale Usa.

Nel settore Internet, il titolo Amazon.com (AMZN) ha perso il 6,5% nonostante l’ondata di ordini seguita alla pubblicazione del quarto libro della serie Harry Potter.(Vedi articolo WSI delle 10:18)

Nel settore petrolifero, BP Amoco (BPA) ha annunciato l’aumento della spesa in conto capitale da $12 miliardi a $13,5 miliardi annui per i prossimi tre anni. L’espansione prevede l’investimento di $8 miliardi per la ricerca e la produzione di gas naturale, $2 miliardi in piu’ di quelli allocati dalla rivale Royal Dutch/Shell Group ed e’ indirizzata ad aumentare la produzione di petrolio del 4%-5% e del gas dell’8%-10%, dopo due anni di produzione stagnante per l’intero settore. Il titolo BP Amoco ha guadagnato oggi l’ 1,75%.(Vedi articolo WSI delle 10:25)

Nel settore informatico, Sanmina (SANM) ha deciso di puntare al mercato asiatico siglando l’acquisizione di una societa’ cinese specializzata nella produzione di componenti elettroniche per l’informatica. Il titolo Sanmina ha segnato alla chiusura dei mercati un rialzo di poco inferiore al 3%.(Vedi articolo WSI delle 10:53)

Nel settore dei software, Lotus, la societa’ assorbita da IBM (IBM), e Terra Networks (TRRA) hanno firmato oggi un accordo strategico per un nuovo servizio di messaggeria istantanea su Internet. Il titolo IBM ha perso l’ 1,5%, mentre Terra ha perso piu’ del 9,25%.(Vedi articolo WSI delle 13:03)

Nel settore cartario, International Paper (IP), la prima societa’ al mondo del settore, ha chiuso il secondo trimestre con utili piu’ che triplicati rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il titolo International Paper ha guadagnato oggi il 7,75%.(Vedi articolo WSI delle 13:22)

Nel settore delle macchine per ufficio, Hewlett-Packard (HWP) ha guadagnato quasi l’ 1%. Quest’oggi la banca d’investimento Merrill Lynch ha fatto sapere che la societa’ di fotocopiatrici e stampanti ha le potenzialita’ per chiudere il terzo trimestre fiscale con un fatturato in rialzo del 15%.(Vedi articolo WSI delle 15:00)

Ecco di seguito le lista dei 10 titoli al New York Stock Exhange (dati di chiusura) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(MOT) Motorola, Inc. 15,286,000 33.500 +1.063 +3.28% ;

(T) AT&T Corp. 15,184,800 31.875 -1.125 -3.41% ;

(CPQ) Compaq Computer Corporation 15,080,100 25.625 -0.375 -1.44% ;

(TKC) 12,096,800 17.625 invariato 0.00% ;

(PFE) Pfizer Inc 11,801,100 48.750 +0.938 +1.96% ;

(GE) General Electric Company 11,101,100 52.688 +0.250 +0.48% ;

(LU) Lucent Technologies Inc. 10,353,600 54.563 -1.688 -3.00% ;

(NT) Nortel Networks Corporation 10,002,600 70.250 -0.750 -1.06% ;

(NOK) Nokia Corporation 9,657,300 51.625 -1.125 -2.13% ;

(Q) Qwest Communications International Inc. 9,348,800 52.938 -1.500 -2.76%.

Ecco di seguito le lista dei 10 titoli al Nasdaq (dati di chiusura) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(JDSU) JDS Uniphase Corporation 37,364,800 96.125 -5.000 -4.94% ;

(BVSN) BroadVision, Inc. 30,168,900 34.750 -5.125 -12.85% ;

(CSCO) Cisco Systems, Inc. 29,334,400 62.125 -1.000 -1.58% ;

(YHOO) Yahoo! Inc. 24,607,500 104.625 -5.375 -4.89% ;

(DELL) Dell Computer Corporation 23,511,200 50.750 +1.000 +2.01% ;

(PCLE) Pinnacle Systems, Inc. 21,973,600 9.125 -13.500 -59.67% ;

(XOMA) XOMA Ltd. 20,145,900 6.938 +2.688 +63.24% ;

(INTC) Intel Corporation 19,495,900 138.500 +0.688 +0.50% ;

(ASPT) Aspect Communications Corp. 19,134,900 19.750 -24.125 -54.99% ;

(ORCL) Oracle Corporation 19,196,400 71.625 -2.500 -3.37% .