Wall Street chiude in positivo in attesa dell’occupazione di domani

5 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Dopo due sedute di fila in calo, Wall Street chiude la seduta in territorio positivo inseguendo l’andamento delle piazze europee, dove si aspetta il lancio a partire dal prossimo nove marzo del piano di allentamento monetario da parte della Banca centrale europea. Oggi l’istituto centrale ha lasciato invariato il tasso di riferimento allo 0,05%, ha alzato le stime sul Pil 2015 e 2016 e ha abbassato quelle sull’indice dei prezzi al consumato armonizzato per quest’anno migliorando invece quelle dell’anno prossimo.

Nel finale, il Dow segna un aumento dello 0,22% a 18.136 punti mentre lo S&P 500 avanza dello 0,12% a 2.101, il Nasdaq infine sale dello 0,32% a 4.983 punti.

Il focus è sui dettagli relativi al piano di allentamento monetario. Intanto a livello domestico, gli investitori digeriscono una serie di dati macroeconomici in vista del rapporto sull’occupazione di domani. Le nuove richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono salite di 7.000 unità a quota 320.000, più delle attese per 296.000 unità’. Il dato finale della produttività è pari a un -2,2% contro una stima preliminare pari a un -1,8% e stime per un -2,3%. Gli ordini alle fabbriche a gennaio sono scesi (inaspettatamente) per il sesto mese di fila.

Il petrolio ad aprile ha chiuso in calo di 77 centesimi a 50,76 dollari al barile.

Sul fronte societario, le notizie di fusione e acquisizione nel settore farmaceutico dovrebbero alimentare le operazioni nel comparto. Il gruppo AbbVie ha annunciato l’intenzione di comprare l’azienda di biotech specializzate in cure contro il cancro Pharmacyclics. Si parla di un’operazione a 21 miliardi in azioni e cash.

Prevale la debolezza dell’euro, -0,27% sotto quota $1,11, a $1,1047. La valuta, in attesa della riunione della Bce, capitola al minimo in 11 anni e rischia anche di bucare la soglia a $1,10.
[ARTICLEIMAGE]
Euro/franco svizzero +0,33% a CHF 1,0704. Dollaro/yen +0,41% a JPY 120,14. Euro/yen +0,13% a JPY 132,71.

Tra le materie prime, i futures sul petrolio +1,22% a $52,16, recuperano dai ribassi successivi all’attacco dell’Isis contro un oleodotto in un centro nevralgico dell’Iraq. Brent +1,26% a $61,31. Oro -0,17% a $1.198,80. Argento +0,07% a $16,17.

(DaC-mt)