Wall Street azzera rialzi e torna a pensare ai PIIGS

30 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Gli indici di Wall Street azzerano i guadagni dell’avvio, sostenuti da una serie di dati macro americani, diffusi prima e dopo la partenza dei mercati statunitensi. In particolare la revisione al rialzo del Pil Usa e la lettura migliore delle attese delle richieste di sussidi di disoccupazione. Un’ulteriore spinta è arrivata anche dall’indice Pmi di Chicago. Tra gli investitori torna a far paura lo “spettro PIIGS” che ha spaventato ancora una volta le piazze del Vecchio Continente, in mattinata. Sul mercato valutario, il dollaro recupera un po’ di terreno nei confronti dell’euro, con il cross eur/usd che viaggia poco sotto la soglia degli 1,36 dollari. Ritraccia l’oro dopo essersi riavvicinato ai record storici. L’attenzione degli investitori si rivolgerà oggi anche al presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, che terrà un discorso alla commissione bancaria del Senato, sulla riforma del sistema finanziario. Tra gli indici, il Dow JOnes mostra un calo dello 0,44% mentre il nasdaq cede lo 0,33%. Giù anche il più ampio paniere S&P500 con un decremento dello 0,34%.