WALL STREET: AVVIO CAUTO PER I LISTINI AMERICANI

15 Febbraio 2005, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta piatto per i listini americani, che faticano a trovare una direzione in assenza di catalizzatori significativi in grado di orientare le decisioni di investimento degli operatori. Il Dow Jones, l’S&P500 e il Nasdaq sono sostanzialmente invariati, rispettivamente a quota 10790, 1206 e 2083.

Non hanno suscitato reazioni di rilievo i dati macroeconomici pubblicati in mattinata. Nel mese di gennaio le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono diminuite dello 0.3%. Il dato e’ migliore delle atttese degli analisti, che prevedevano un calo dello 0.5%. A dicembre si era registrato un incremeno dell’1.2%. Esclusa la componente auto, la variazione e’ stata positiva, dello 0.6%.

Leggermente peggiore delle attese il NY Empire State index. L’indice che misura l’andamento dell’attivita’ manifatturiera nell’area di New York a gennaio si e’ attestato a quota 19.2. Il consensus era per un valore di 20. Ancora dal fronte economico, alle 16:00 ora italiana saranno diffusi i dati sulle scorte di magazzino.

Intanto cresce l’attesa per la testimonianza di Alan Greenspan al Congresso. Il presidente della Federal Reserve mercoledi’ e giovedi’ terra’ un intervento al Senato e alla Camera per fare il punto sulla situazione dell’economia americana.

Passando alla cronaca societaria, sotto i riflettori il settore retail. Circuit City, n.2 Usa dell’elettronica retail, ha annunciato di aver ricevuto un’offerta di acquisizione per $17 per azione in cash. Nelle prime battute di contrattazioni il titolo guadagna quasi il 20%. L’azienda ha annunciato che valutera’ la proposta.

Sembrano invece essere giunte a un punto morto le trattative di fusione tra Federated Department Stores e May Department Stores. Il Wall Street Journal riferisce che le due societa’ retail non hanno raggiunto un accordo sul prezzo che Federated intenderebbe pagare per May.

Dopo la notizia dell’accordo di fusione tra Verizon ed MCI, l’agenzia Moody’s ha annunciato che potrebbe tagliare il rating sul debito della prima. MCI potrebbe invece registrare un uprgrade.

Buone notizie dal settore tecnologico. Alcune banche d’affari hanno espresso giudizi positivi sui colossi hi-tech Apple Computer, Qualcomm ed Ericsson. Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono in lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.09% contro il 4.08% della chiusura di lunedi’. L’oro e’ in calo di $1.6 a $425.7 all’oncia, il petrolio guadagna 21 centesimi a $47.65 al barile e l’euro viene scambiato a 1.2991 contro il dollaro.