VENDITE SUL WEB: ITALIA FANALINO DI CODA IN EUROPA

15 Gennaio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il boom di Internet in Italia va avanti veloce. Ma analizzando alcuni dati sul commercio on line di una recente ricerca, ci accorgiamo che siamo ancora molto indietro e che molto ancora si deve fare.

Nel nostro paese per scegliere un prodotto su Internet ci vogliono in media 13 minuti e il prodotto arriva a casa tra i 10 e i 16 giorni dopo. I costi di consegna variano tra le 12 e le 13 mila lire, il 25% del valore del bene acquistato.

Elevato anche il rischio di non vedersi mai consegnati i prodotti acquistati, il 20% dei casi.

La ricerca è stata condotta, su richiesta della Commissione Europea, dalla società tedesca Stiftung Warentest, in nove paesi europei tra febbraio e giugno dello scorso anno acquistando 500 prodotti on-line.

Sempre per quanto riguarda l’Italia, il 62,5% dei pagamenti viene effettuato in contanti alla consegna, mentre nel resto d’Europa la carta di credito è scelta nel 97,8% dei casi. Anche questo e’ un caso plateale di arretratezza, dovuta alla paranoia degli italiani circa la possibilita’ che qualcuno (il fisco) possa eventualmente tener conto delle spese effettuate.

Vediamo qualche altro dato rilevato nei nove paesi. I prezzi sul web sono risultati inferiori del 15% rispetto a quelli dei negozi, e il 60% degli acquisti è stato fatto su territorio nazionale.

Rispetto all’Italia in Germania ci vogliono 9,8 minuti per effettuare la ricerca su Internet e 9,2 giorni per ricevere il prodotto. Mentre se in Francia la ricerca è più rapida, 8,6 minuti, la consegna è in media di 15,2 giorni. Più veloce, in termini di consegna, la Gran Bretagna, 4,1 giorni, e la Spagna, 7,2 giorni.

Ma il commercio on line va avanti – nonostante questi dati non troppo incoraggianti – anche nel nostro paese. Sono pero’ necessari numerosi miglioramenti: innanzitutto numero e qualità dei siti che offrono prodotti sul web; inoltre più informazioni. Ma la strada dell’e-commerce ormai e’ imboccata.