Utili Usa con il freno a mano tirato: solo +1,7% nel 2015

13 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Nella prima metà di quest’anno i profitti della Corporate America viaggeranno in retromarcia. Ne sono convinti analisti di Wall Street che si aspettano due trimestri di fila di redditività in calo per l’industria americana. Un’inversione di tendenza si avrà nella seconda metà dell’anno, evitando così che il 2015 si trasformi nell’anno peggiore in termini di redditività dall’ultima recessione.

Due i fattori principali che causeranno la frenata degli utili: il caro dollaro, che è salito ai massimi da 12 anni sull’euro e l’andamento depresso dei prezzi del petrolio, che continuano a muoversi sotto i 50 dollari al barile.

Secondo le stime di Thomson Reuters, la crescita dei profitti si attesterà quest’anno a +1,7%. Una previsione nettamente inferiore rispetto all’outlook di gennaio, quando la media degli analisti si aspettava una crescita dell’8,1%. La maggiore spinta verso il basso arriverà dal settore energy, per il quale è previsto un calo degli utili del 55%; ma anche gli altri settori, secondo gli esperti, avranno un trend negativo. (mt)