Utenze domestiche: con i tool di confronto prezzi on line famiglia risparmia l’8%

23 Gennaio 2020, di Alessandra Caparello

Pagare meno su utenze domestiche, Rc auto e telefonia? Non è certo un miraggio per chi usa con regolarità un compara prezzi, un tool di confronto prezzi dei principali servizi. A fare i conti è l’ultima indagine di SosTariffe.it condotta a gennaio 2020 confrontando  i dati rilevati a gennaio dell’anno precedente.

Nel dettaglio l’indagine ha preso in considerazione sei servizi fondamentali, sei spese che rientrano (quasi tutte) nel paniere annuale fisso degli italiani, come utenze fisse e mobili (energia, gas, connessione di casa e cellulare), assicurazione auto e conti correnti bancari e postali. Per ogni voce di spesa sono stati esaminati tre profili di consumatore – tipo: il single che vive da solo, la coppia e la famiglia con figli.

Maggiori risparmi per le famiglie

Ebbene dall’indagine emerge che nel 2020 sono i nuclei familiari a rilevare i maggiori risparmi, fino al 8% in più. In particolare le voci di spesa su cui le famiglie con figli sono in grado di abbattere meglio i costi, avvalendosi di uno strumento di comparazione, sono l’assicurazione auto e i costi bancari, rispettivamente +38,19% (da 1550 euro risparmiati lo scorso anno a 2142 euro del 2020) e + 19,63% (dai 66,70 euro risparmiati lo scorso anno ai 79,79 di quest’anno).

Risparmio in calo quest’anno sia per quanto riguarda la connessione di casa (- 2,29 per cento), ma anche per luce (-8,52%), telefonia mobile (-19,70%) e gas (-54,68%).

Coppia: pochi risparmi sui costi bancari

Per quanto invece riguarda una coppia, le voci di spesa su cui si può più risparmiare riguardano i costi relativi al conto corrente e la connessione internet da rete fissa. Per una coppia infatti i costi bancari rilevano un incremento (+14,12%) tra il risparmio registrato a inizio 2019 (60,97 euro) e quello rilevato oggi (69,58 euro). Le coppie beneficiano molto dell’uso del comparatore anche per risparmiare sulla connessione di casa (+12,42% rispetto allo scorso anno). Anche in questo caso però mentre nel 2019 il confronto delle tariffe consentiva di mettere “in salvo” 330 euro, quest’anno se ne possono risparmiare 371. Il 2020 è un anno di rincari. Nonostante la comparazione perciò tutte le altre voci di spesa risentono, purtroppo, di incrementi.

Single: risparmi sui costi bancari e bollette

Un single che usa un comparatore online ha un risparmio migliore rispetto allo scorso anno per la connessione di casa, ma anche per le condizioni bancarie e per le bollette della luce. Prendendo in considerazione internet da rete fissa ad esempio, quest’anno si può risparmiare di più (21,58%) rispetto al 2019. Se all’inizio dello scorso anno era possibile mettere da parte circa 305,15 euro, oggi la cifra lievita fino a 371 euro.
Per i costi bancari, l’indagine stima  un risparmio che dai 38,59 euro del 2019 è salito a 45,25 (circa il 17,26% in più). Infine, l’uso di uno strumento di comparazione consente maggiori risparmi (+ 4, 37%) anche per le bollette della luce. Se a gennaio 2019 era possibile accantonare 54 euro, quest’anno se ne possono mettere da parte 56,36.