USA: SPESE AL CONSUMO SU, REDDITI PERSONALI IN CALO

29 Agosto 2008, di Redazione Wall Street Italia

Negli Usa, le spese al consumo hanno fatto segnare nel mese di luglio una crescita dello 0,2%, in linea con le aspettative ma in netto calo rispetto allo 0,6% dl mese precedente. Secondo gli economisti il rallentamento e’ dovuto allo svanire degli effetti positivi dello stimolo fiscale, mentre la crescita dell’inflazione “erode il potere di acquisto degli americani”, scrive Bloomberg. I prezzi sono saliti ai massimi degli ultimi 17 anni. L’indice PCE “core” invece è salito dello 0,3%, in linea con le attese del mercato e con la lettura di giugno.

Sempre negli Stti Uniti, i redditi personali hanno fatto segnare a luglio una variazione negativa dello 0,7%, in discesa rispetto al mese precedente che aveva segnato un miglioramento dello 0,1% e sotto le stime che erano per un dato invariato.

I dati di oggi dimostrano – sempre secondo Bloomberg – che l’economia americana sta gia’ rallentando rispetto alla crescita (annualizzata) del +3.3% del Pil comunicata ieri e che i numeri del terzo e quarto trimestre 2008 saranno decisamente peggiori. “Gli americani, dovendo fronteggiare la crescita della disoccupazione, l’aumento dei prezzi alimentari e della benzina e il calo dei prezzi delle case, stanno tagliando l’acquisto dei beni durevoli di grossa portata come auto e mobili”.