Usa: richieste sussidi disoccupazione -2.000 a 339.000 unità

14 Novembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Nella settimana terminata il 9 novembre, il numero dei lavoratori degli Stati Uniti che hanno fatto richiesta per la prima volta per ricevere i sussidi di disoccupazione, è sceso a 339.000 unità, a un valore superiore alle 330.000 unità attese dal consensus e in calo rispetto alle 341.000 unità della settimana precedente (dato rivisto al rialzo dal precedente 336.000 comunicato).

Il livello rimane al di sopra dei livelli di fine estate.

Il numero complessivo di lavoratori che continua a beneficiare dei sussidi, nella settimana terminata il 2 novembre, si è attestato a 2,874 milioni contro i 2,862 milioni attesi da Briefing; il dato precedente è stato rivisto lievemente al rialzo a 2,874 milioni dai 2,868 milioni inizialmente riportati.

La media delle richieste dei sussidi delle ultime quattro settimane, un indicatore più attendibile in quanto non soggetto alla volatilità dei mercati, è scesa di 5.750 unità a quota 344.000.

Oltre alle richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione, sono stati resi noti i dati sul deficit della bilancia commerciale, che è cresciuto per il terzo mese consecutivo, attestandosi a settembre a $41,8 miliardi dai $38,7 miliardi di agosto. A incidere è stato il lieve calo delle esportazioni di beni e servizi, e l’aumento di importazioni di beni come petrolio e cellulari.

Gli analisti avevano previsto un deficit minore, pari a $39,1 miliardi, rispetto ai $38,7 miliardi (dato rivisto lievemente al rialzo dai $38,2 miliardi inizialmente comunicati).

Contestualmente sono stati comunicati anche il costo unitario del lavoro del terzo trimestre, sceso -0,6% rispetto al +0,8% atteso e contro +0,5% del trimestre precedente, e il dato preliminare sulla produttività, sempre del terzo trimestre, salita dell’1,9% contro il +2% stimato e il +1,8% precedente (dato rivisto al ribasso dal +2,3% inizialmente comunicato).