Usa: prezzi alle importazioni -0,5% in marzo

11 Aprile 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Nel mese di marzo, i prezzi pagati per i beni importati sono scesi negli Stati Uniti -0,5%, sulla scia principalmente della flessione dei costi del carburante. E’ quanto ha reso nodo il dipartimento del Lavoro Usa.

Rivisto al ribasso il dato di febbraio a +0,6%, contro il +1,1% inizialmente reso noto. L’indicatore conferma come le pressioni inflazionistiche rimangano ben sotto controllo negli Usa.

Su base annua, i prezzi alle importazioni sono calati del 2,7%; da segnalare che il dato non ha segnato un rialzo su base annua dallo scorso aprile del 2012.

Guardando tra le componenti, da segnalare comunque che i prezzi delle importazioni di beni alimentari sono saliti +1,3%, segnando l’incremento più forte dallo scorso settembre.