Usa: Pil +2,5% nel II trimestre

26 Settembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Il prodotto interno lordo degli Stati Uniti è cresciuto del 2,5% nel secondo trimestre. E’ quanto risulta dall’ultima revisione del dato, che ha confermato la prima revisione.

L’indicatore è stato lievemente inferiore alle attese, con gli analisti intervistati da Briefing e Bloomberg che avevano previsto una crescita +2,6%. La crescita dell’economia americana ha accelerato comunque il passo, visto che nel primo trimestre il Pil aveva messo a segno un incremento di appena +1,1%.

Le spese per consumi, che incidono sull’economia per il 70%, sono salite dell’1,8%, come riportato in precedenza, mentre quelle dei governi statali e locali sono aumentate a un tasso annuo +0,4%, rispetto al -0,5% della prima revisione. Le vendite finali dei beni e dei servizi made in Usa sono state riviste al rialzo a +2,1% dal +1,9% precedente.

Molto positiva la performance del mercato immobiliare, con le costruzioni residenziali che sono salite a un ritmo annuo +14,2%, contro il +12,9% inizialmente riportato. Le esportazioni sono salite +8%, contro il +8,6% reso noto in precedenza.

L’inflazione, misurata dall’indice dei prezzi al consumo PCE; è stata rivista al ribasso con una flessione -0,1%.