USA, petroliferi festeggiano fine moratoria tranne Chevron

13 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Giornata positiva per le principali compagnie petrolifere statunitensi, che festeggiano la prossima fine della moratoria sulle trivellazioni in acque profonde del Golfo del Messico. Ieri l’amministrazione Obama ha confermato i rumors che cominciavano a circolare sempre più prepotentemente annunciando che la moratoria, voluta dal Presidente dopo il disastro ecologico della BP, sarà abolita a breve. Ma il via libera non sarà dall’oggi al domani: le compagnie che intenderanno procedere con le performazioni offshore in acque profonde, infatti, dovranno dimostrare di avere determinati requisiti onde evitare un nuovo caso Deep Horizon. Tra le “big” statunitensi dell’oro nero Exxon Mobil avanza dello 0,43%, Conoco Phillips dell’1,31%. Tuttavia c’è chi non gioisce: Chevron cede infatti lo 0,88% dopo aver annunciato ieri sera che gli utili del terzo trimestre saranno inferiori a quelli del periodo precedente a causa di una serie di fattori quali la debolezza del dollaro, l’aumento dei costi e il calo dei prezzi del Crude.