Usa: il piano di Trump per far diventare i ricchi ancora più ricchi

31 Luglio 2018, di Alessandra Caparello

Novità dalla Casa Bianca. L’amministrazione Trump sta valutando un taglio delle tasse da 100 miliardi di dollari per i ricchi, sperando di bypassare il Congresso attuando così una manovra ambita da molto tempo da investitori e conservatori.

Lo riporta oggi il New York Times. La proposta di Trump sulla riforma delle tasse sul “capital gain” finisce però per far diventare i ricchi ancora più ricchi. Come? Scrive Zerohedge che la manovra fiscale attualmente al vaglio dell’amministrazione americana richiede un adeguamento all’inflazione della propria base di costi a lungo termine quando si calcola l’imposta sui redditi di capitale.

“Considerando che diversi programmi di welfare come la previdenza sociale sono già indicizzati per gli aggiustamenti del costo della vita, l’idea non è probabilmente così stravagante, soprattutto se l’inflazione dovesse improvvisamente esplodere più in alto”.

L’articolo poi spiega nel dettaglio come funzionerebbe.

“Attualmente, le imposte sui redditi di capitale sono determinate sottraendo il prezzo originale di un bene dal prezzo al quale è stato venduto e tassando la differenza, di solito al 20 per cento. Se un  soggetto che guadagna molto avesse speso 100.000 dollari in azioni nel 1980, per poi venderle oggi a 1 milione di dollari, avrebbe dovuto pagare le tasse su 900.000 dollari. Ma se il suo prezzo di acquisto originale è stato adeguato all’inflazione, sarebbe di circa $ 300.000, riducendo il suo imponibile “guadagno” a $ 700.000. In questo modo l’investitore risparmierebbe 40.000 dollari”.

Era stato il ministro del Tesoro Steven Mnuchin ad accennare all’idea di un taglio durante la riunione del G-20 dello scorso fine settimana a Buenos Aires, quando parlando con i giornalisti ha affermato che il suo dipartimento stava studiando se poteva usare i suoi poteri di regolamentazione per consentire agli americani di rendere conto dell’inflazione nella determinazione delle imposte sui redditi di capitale.

“Se non può essere fatto attraverso un processo legislativo, vedremo quali strumenti al Tesoro dobbiamo farlo da soli e (…) Lo stiamo studiando internamente, e stiamo anche studiando i costi economici e l’impatto sulla crescita”.

Di sicuro, qualsiasi mossa di questo tipo potrebbe avere ripercussioni all’interno del mercato obbligazionario, già piuttosto scontento del recente fallimento del deficit degli Stati Uniti. In ogni caso  i maggiori beneficiari di una riduzione delle imposte sui redditi di capitale sarebbero i lavoratori ad alto reddito. Secondo un’analisi indipendente citata dal New York Times, più del 97% dei benefici derivanti dall’indicizzazione dei guadagni in conto capitale all’inflazione andrebbero al 10% dei redditi americani, mentre quasi due terzi dei benefici andrebbero ai super ricchi – solo lo 0,1% dei redditi americani. In altre parole, i ricchi stanno per arricchirsi ancora di più. Il Nyt ha riportato le critiche di Chuck Schumer, senatore democratico leader al Senato.

“In un momento in cui il deficit è fuori controllo, i salari sono piatti e i più ricchi se la stanno spassando come non mai, dare all’1% un altro vantaggio è scandaloso”.