UN ANALISTA DI SUCCESSO SCEGLIE SONIC FOUNDRY

30 Gennaio 2000, di Redazione Wall Street Italia

John Todd e’ un analista, possimao scommeterci, assolutamente sconosciuto al pubblico italiano, ma molto amato da chi negli Stati Uniti lo conosce e lo segue.

Lo scorso marzo aveva consigliato l’acquisto di Polycom (digitare PLCM su quotazioni interattive) che trattava all’epoca 13 dollari. Il titolo e’ arrivato a 71 (vedere nota a pie’ di pagina).

A giugno aveva scelto Optibase (OBAS) a 7 dollari. L’azione ha raggiunto 29 e 9/16. A settembre aveva raccomandato Puma Technologies (PUMA) che da 14 e 3/4 e’ passata a 96 dollari, e Proxim (PROX) che e’ salita da 38 a 84 1/2.

All’inizio di gennaio la scelta era ricaduta su Sonic Foundry (SFO), quotata a 24 dollari. Il meno di un mese il titolo e’ salito fino a 65 dollari.

Ma quali sono le sue previsioni a lungo termine per i titoli citati, considerato che sono saliti in misura cosi’ considerevole?

Todd preferisce non sbilanciarsi, ma sul breve termine rimarrebbe con Sonic Foundry, la societa’ di business-to-business che produce e vende anche attraverso l’Internet software per la creazione, trattazione e registrazione di dati audio e digitali.

Nonostante il titolo sia quotato a livelli molto alti, Todd prevede che ci sia ancora spazio per crescere, soprattutto dopo una possibile joint venture con una societa’ di media.

Secondo l’analista, il fatturato dovrebbe aumentare notevolmente dai 14,8 milioni di dollari dell’anno scorso a 29,5 milioni di dollari quest’anno e raggiungere 58 milioni di dollari nel 2001.

Dalle perdite di 2,11 dollari ad azione del 1999, Sonic Foundry dovrebbe passare a una perdita di 0,56 centesimi ad azione e registrare utili positivi di 0,35 centesimi ad azione nel 2001.

Todd prevede che entro dodici mesi il titolo raggiungera’ 80 dollari e che l’ascesa continuera’ anche l’anno prossimo quando Sonic potrebbe toccare quota 200 dollari.

Un altro titolo che interessa il ‘guru’ e’ True Time (TRUE), la societa’ che produce componenti per server e plug-in card per computer.

Recentemente era quotata a 13 7/16, ma potrebbe salire molto presto a 16 dollari: le indicazioni sono che potrebbe firmare un importante contratto con America Online (AOL).

(NOTA: tutti i prezzi citati nell’articolo sono riferiti alle quotazioni sulle borse Usa di martedi’ 25 gennaio 2000. Digitare i simboli dei singoli titoli per verificare gli aggiornamenti).