UK, AL BANDO VIDEOGIOCO TROPPO VIOLENTO

19 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Londra, 19 giu – Il videogioco “Manhunt 2” non potrà essere commercializzato nel Regno Unito. Lo ha stabilito la Bbfc, l’ente inglese che si occupa di classificare il materiale audiovideo per fasce d’età ed eventualmente di censurare i prodotti più violenti. Il gioco, realizzato per Playstation 2 e Nintendo Wii dai programmatori della Rockstar, ha per protagonista un uomo che, sottoposto a folli esperimenti scientifici, cerca di fuggire da un manicomio uccidendo tutti coloro che ha di fronte. Al di là delle scene di violenza molto esplicite, ciò che scatenò le polemiche già in occasione dell’uscita del primo capitolo della saga è il meccanismo di gioco che premia le uccisioni particolarmente cruente e crudeli. Un meccanismo rimasto invariato in questo secondo capitolo. “Rifiutare la distribuzione di un’opera d’ingegno è una cosa molto seria – ha detto il direttore della Bbfc David Cooke – una cosa che non decidiamo alla leggera. Dove possibile cerchiamo di suggerire dei tagli o chiediamo la rimozione di parte del materiale. Nel caso di Manhunt 2 – ha spiegato – il tono generale del gioco era talmente violento e cruento che non abbiamo potuto fare a meno di toglierlo dalla distribuzione. In alcune parti il titolo di Rockstar incoraggia il sadismo, l’omicidio e la violenza in generale. Non possiamo tollerare il gioco inteso come una serie di ‘atti violenti da videoregistrare’ e, anche se proponessimo il gioco al solo pubblico di adulti, esso sarebbe comunque inaccettabile”. Rockstar ha già annunciato che farà appello.