Ucraina non restituirà prestito da $3 miliardi alla Russia

23 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

KIEV (WSI) – L’Ucraina ha intenzione di fare scadere il debito da 3 miliardi che ha nei confronti della Russia.

Lo hanno riferito analisti del Fondo Monetario Internazionale, stando a quanto riportato dal Financial Times. La linea creditizia scade a dicembre. Kiev preferisce seguire altre strade.

In quello che può essere considerato un affronto al Cremlino, il governo di Kiev cercherà di ristrutturare 15 miliardi dollari di debito nei prossimi 4 anni, nell’ambito del piano del FMI per eliminare il “buco nero finanziario” di 40 miliardi di dollari nel bilancio ucraino. Senza più rivolgersi alla Russia.

Secondo il quotidiano britannico, gli analisti del Fondo Monetario Internazionale rilevano che al momento non è ancora pronto il pacchetto delle possibili misure per la ristrutturazione del debito ucraino.

Alla luce di tali sviluppi, un membro del Fondo ha osservato che ci aspettano tre-quattro anni molto intensi da qui a fine 2018.

In precedenza la Russia aveva fatto sapere di non aver intenzione di partecipare alla ristrutturazione del debito dell’Ucraina e la questione della cancellazione del debito del paese dell’ex blocco sovietico – in guerra aperta nell’est contro le milizie dei ribelli filo russi – non viene nemmeno presa in considerazione dal Cremlino.

(DaC)