Turismo: Coldiretti, quello enogastronomico vale 5 mld

28 Dicembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il turismo enogastronomico vale cinque miliardi e si conferma il vero motore della vacanza Made in Italy che è l’unico segmento in costante e continua crescita nel panorama dell’offerta turistica nazionale. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare i dati dell’Osservatorio nazionale del Turismo, commentati dal Ministro del Turismo Vittoria Brambilla, secondo il quale nel 2010 i viaggi motivati da interessi enogastronomici: contano su 3,2 milioni di partenze, il 3,8% del totale, contro l’1,8% del 2009. L’Italia è l’unico paese al mondo che – sottolinea la Coldiretti – puo’ contare anche sulla leadership europea nella produzione biologica e nell’offerta di prodotti tipici con ben 214 denominazioni di origine riconosciute a livello comunitario e 4.511 specialita’ tradizionali censite dalle regioni, mentre sono 501 vini a denominazione di origine controllata (Doc), controllata e garantita (Docg) e a indicazione geografica tipica (330 vini Doc, 52 Docg e 119 Igt). I prodotti della tavola si aggiungono dunque ai primati artistici e culturali nazionali che rappresentano motivo di attrazione dei turisti in Italia che si estendono dalle grandi città d’arte alle campagne dove negli agriturismi secondo l’associazione agrituristica Terranostra della Coldiretti crescono gli ospiti alla ricerca del contatto con la natura e con il cibo genuino. Il primati enogastronomici – conclude la Coldiretti – sono motivo di attrazione anche per gli stranieri per: i quali il cibo Made nel 45% dei casi aiuta a mantenere vivo il ricordo del Belpaese.